Giovedì, 18 Luglio 2024

Teatro e spazio co-working: ecco il nuovo Centro Asterix

Orientamento e formazione nella struttura di San Giovanni messa a nuovo con un progetto da 280mila euro.

Nasce il nuovo Centro Asterix di San Giovanni a Teduccio. Al centro di molte polemiche nei mesi della pandemia, lo spazio riapre i battenti dopo i lavori di ristrutturazione. Lavori frutto di una proposta progetto nell’ambito del bando Giovani per i Beni Pubblici, che si sono concretizzati attraverso i finanziamenti del Piano di Azione e Coesione e con un ulteriore sforzo di autofinanziamento del privato sociale: 280mila euro l'investimento complessivo, di cui il 30 per cento di fondi pubblici e il resto messo a disposizione da privati.

Riqualificati sia gli spazi interni che quelli esterni, è stato realizzato un teatro da 140 posti e spazi di co-working. "Diventerà un punto di riferimento per tutto il territorio" ha affermato il sindaco Gaetano Manfredi presente all'inaugurazione insieme all'assessore comunale Chiara Marciani e al presidente della Sesta Municipalità Sandro Fucito che ha chiesto un "...maggiore coinvolgimento dell'istituzione locale". Il Centro Asterix, infatti, è di proprietà comunale e non municipale.

Presente anche la consigliera Alessandra Clemente, che nei panni di assessore della Giunta de Magistris aveva avviato il programma dei lavori. L'Asterix sarà gestito dalle associazioni Callysto Arts e La Coccinella. "Oggi restituiamo alla comunità uno dei centri giovanili più grandi della città, in uno dei quartieri più complessi e difficili ma per questo anche il più bello. Dopo due anni di lavoro, diamo inizio a un percorso attraverso quattro parole chiave: giovani, creatività, innovazione, cultura», ha commentato il presidente dell’associazione Callysto, Francesco Micera.

Durante i mesi della pandemia, la location è stata coinvolta da polemiche che hanno toccato le associazioni affidatarie, il Comune di Napoli e il Beggar's Theatre, l'associazione di Mariano Bauduin che per anni ha portato avanti i progetti teatrali con cittadini della zona orientale e che, per consentire ai lavori, è stato di fatto sfrattato. Oggi, circa 4mila costumi del Beggar's sono stipati in un deposito della Municipalità in attesa di uno spazio dedicato. 

Si parla di

Video popolari

NapoliToday è in caricamento