rotate-mobile
Attualità

Campi Flegrei, presidente Ingv: "Il vulcano sta respirando più del solito. Non immaginiamo terremoti di magnitudo 6 o 7"

"Non si può escludere che la sequenza sismica continui. La situazione peggiore è quella che possa evolvere anche in fenomeni magmatici, ma al momento non abbiamo evidenza che questo possa accadere nell’immediato", spiega Carlo Doglioni

"I Campi Flegrei sono un vulcano attivo che in questo periodo respira più del solito, questo determina la sismicità che vediamo. Sono terremoti che definiamo leggeri, la loro pericolosità è dovuta dal fatto che sono superficiali, quindi possono produrre danni. Però certamente non possiamo immaginare che qui possano avvenire terremoti di magnitudo molto più forte, tipo 6 o 7". Così il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Carlo Doglioni, ha parlato a SkyTg24 della situazione dei Campi Flegrei e delle scosse degli ultimi giorni e delle ultime settimane. 

"Non si può escludere che la sequenza sismica continui, così come successo nell’82, o nell’84, quando durò a lungo e poi si annullò per tornare in una condizione di quiete. Stiamo vivendo una situazione simile, l’auspicio è che succeda lo stesso, la situazione peggiore è quella che possa evolvere anche in fenomeni magmatici, ma al momento non abbiamo evidenza che questo possa accadere nell’immediato", ha aggiunto il presidente dell'INGV. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campi Flegrei, presidente Ingv: "Il vulcano sta respirando più del solito. Non immaginiamo terremoti di magnitudo 6 o 7"

NapoliToday è in caricamento