Attualità

Bradisismo: il 25 e 26 giugno l'esercitazione

Simulato sciame sismico e aumento di deformazione del suolo per testare il piano speditivo

Si svolgeranno il 25 e 26 giugno prossimi le esercitazioni nei Campi Flegrei: verrà simulato uno sciame sismico e un aumento delle deformazioni del suolo e verranno testati gli interventi di emergenza previsti dal Piano Speditivo di Emergenza.

Nel corso delle manovre, sulla cui organizzazione nei prossimi giorni continueranno a lavorare tutti i soggetti del sistema di protezione civile, al Centro di Coordinamento Soccorsi parteciperanno anche le Forze dell’Ordine, i Vigili del Fuoco, la Regione Campania, i comuni interessati e di tutti gli altri soggetti coinvolti nelle attività di soccorso, per il monitoraggio continuo e la direzione unitaria degli interventi. "Questa importante esercitazione, che si aggiunge alle attività esercitative che si stanno conducendo da qualche mese - spiega una nota della Prefettura - si prefigge di rendere ancora più adeguata ed incisiva la risposta degli organi di protezione civile che sono chiamati ad operare in relazione ad ogni eventuale scenario operativo determinato dal fenomeno bradisismico".

I Fondi della Regione Campania

3 milioni 550mila euro per la prevenzione del rischio sismico sono stati stanziati per i Comuni dalla Regione Campania: sono destinati aòla realizzazione degli studi di Microzonazione Sismica (di livello 1 e di livello 3) e per la valutazione e l’analisi della Condizione Limite per l’Emergenza dell’insediamento urbano. Si tratta - ha spiegato la Regione Campania - di contributi per le indagini mirate all'approfondimento del comportamento dinamico dei terreni rispetto alle sollecitazioni di un terremoto: attraverso la microzonazione sismica è possibile individuare e caratterizzare le zone stabili, le zone stabili suscettibili di amplificazione locale e le zone soggette a instabilità, quali frane, rotture della superficie per faglie e liquefazioni dinamiche del terreno. I Comuni possono presentare domanda per l’assegnazione dei fondi disponibili. L’importo massimo del contributo concedibile alle amministrazioni locali, per singola opera ammessa, dipende dal numero di abitanti residenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bradisismo: il 25 e 26 giugno l'esercitazione
NapoliToday è in caricamento