rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Attualità Ponticelli

Addio Bipiani: affidati i lavori dell'ecoquartiere

Intervento da 25 milioni di euro per realizzare 104 alloggi. Assegnato anche il lotto per l'abbattimento delle Vele di Scampia

I soldi ci sono, la ditta che eseguirà i lavori anche. Un altro passo per dire addio ai Bipiani di Barra-Ponticelli è stato fatto. Con una determina del 29 dicembre 2022, il Comune ha affidato i lavori per realizzare l'Ecodistretto al posto dei mostri di amianto, nati all'indomani del terremoto del 1980 come alloggi provvisori e poi diventati casa per almeno due generazioni di cittadini napoletani e stranieri.

Lo stanziamento è di 25 milioni di euro, provenienti dal Pnrr. Esulta il quartiere: "Dopo 30 anni, 4 sindaci e 6 consiliature quel luogo diverrà solo un ricordo. - afferma Patrizio Gragnano, consigliere 5 Stelle della VI Municipalità e portavoce del Comitato Bipiani - Il mio pensiero va a tutti quelli che in quel posto ci hanno lasciato la vita, e quelli che ancora oggi ci vivono sepolti vivi in loculi di amianto. Ora dobbiamo fare l'ultimo e più importante chilometro verso la dignità, occorre lavorare per assegnare i 104 alloggi che saranno realizzati. La lotta non è finita ma finalmente si intravede un raggio di sole bellissimo".

I Bipiani sono strutture fatiscenti che hanno fatto gridare più volte allo scandalo in trent'anni. Alle porte della terza città d'Italia, ci sono centianaia di persone che vivono in scatole di amianto visibilmente danneggiate, con cavi elettrici scoperti, topi e animali di vario tipo che scorrazzano negli stessi spazi dove i bambini tentato di giocare. Diversi abitanti sono morti di tumore, molti soffrono ancora di malattie respiratorie.

Il percorso è tutt'altro che concluso. Anche perché c'è un ostacolo burocratico. Molte delle persone che risiedono nei Bipiani non sono legittimi assegnatari e prima di procedere all'assegnazione sarà necessario regolarizzare la loro posizione. Al momento, non esiste una graduatoria e neanche un tempo certo per l'inizio dei lavori. Su quest'ultimo aspetto molto dipenderà da eventuali contenziosi da parte di chi non ha vinto il bando. La gara d'appalto è andata alla Cobar spa, ai danni della Rti Spark Consorzio Stabile. 

I 25 milioni per i Bipiani fanno parte di un finanziamento più ampio che ammonta a circa 460 milioni di euro. Soldi che serviranno a realizzare lavori di nuova edificazione, riqualificazione e recupero di alloggi di edilizia sociale, efficientamento energetico di edifici pubblici di proprietà comunale, restauro, riqualificazione e valorizzazione dei beni culturali e interventi infrastrutturali con sistemazione aree verdi e realizzazione tram. 

I lavori più rilevanti riguardano ancora Napoli Est, con 40 milioni destinati al recupero primario degli edifici di via Edoardo Scarpetta, a Ponticelli, con riqualificazione degli spazi pubblici annessi. Altri 40 milioni saranno utilizzati per la realizzazione del tram veloce che collegherà Ponticelli al centro città. Spazio anche per Scampia, con 40 milioni dedicati all'abbattimento delle Vele C e D, alla riqualificazione della Vela B e alla realizzazione di insediamenti abitativi temporanei in attesa della realizzazione di nuovi alloggi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio Bipiani: affidati i lavori dell'ecoquartiere

NapoliToday è in caricamento