Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riparte il bike sharing a Napoli, ma con sole 80 bici

Al via la sperimentazione di Mc Consulting con mezzi a pedalata assistita. Sei le stazioni, tutte nel centro della città, dalle quali sarà possibile partire. L'azienda: "Pronti a raddoppiare il numero"

Bike sharing a Napoli atto secondo. A sette anni dalla conclusione della prima esperienza in città, torna all'ombra del Vesuvio la possibilità di muoversi con biciclette a noleggio. La sperimentazione di 'Napoli N'Bike' prevede 84 mezzi, dislocati in sei stazioni nel centro cittadino. Il progetto è stato affidato dal Comune di Napoli ai privati di Mc Consulting che lo hanno realizzato con i partner Esa, Unico Energia e la tecnologia Emoby

Di certo una buona notizia, ma non mancano i punti interrogativi. A partire dal numero dei mezzi a disposizione che appare insufficiente a garantire un servizio diffuso in una città da un milione di abitante, turisti esclusi. La seconda perplessità è legata alla dislocazione delle stazioni. Per il primo giorno sono state attivate solo quelle in via Partenope e piazza Vittoria, con 18 bici ciascuna. Nei prossimi giorni dovrebbe toccare a piazza Municipio, piazza Trieste e Trento, piazza Sannazzaro e piazza Bovio. Resta fuori dalla sperimentazione piazza Garibaldi, scelta singolare perché taglia fuori dal servizio coloro che giungono alla Stazione centrale con mezzi privati o pubblici. 

"Abbiamo già presentato domanda per installare altre dieci ciclostazioni, tra cui anche Garibaldi - spiega Marcantonio Cascini, amministratore unico di Mc Consulting - e ampliare il parco mezzi a 160 unità". Ma anche in queste condizioni il confronto con altre grande città è impietoso. A Milano, il servizio offerto da Atm, azienda del traporto pubblico meneghino, conta 3.650 bici tradizionali e 1.150 a pedalata assistita; a Roma, invece, tra mille difficoltà, la flotta ammonta a 2mila unità. 

Resteranno esclusi dal servizio quartieri come Vomero, Fuorigrotta e Poggioreale. Ancora una volta, così come già accaduto per i monopattini, le periferie partenopee resteranno con il cerino in mano: nella zona orientale, come a Nord della city le biciclette a pedalata assistita non arriveranno.

A suscitare polemiche sui canali social, nelle ore precedenti all'inaugurazione, anche la scelta della Q8 come sponsor. Il marchio, con uno stabilimento a San Giovanni a Teduccio, è legato a molte azioni di protesta organizzate dagli ambientalisti contro l'inquinamento da idrocarburi di Napoli Est. "Q8 investe nel progetto ricavandone solo un ritorno di immagine - specifica Cascini - cercando di comunicare all'esterno che anche un'azienda che si occupa di idrocarburi può avere interesse nelle energie rinnovabili. Anche grazie a questa partnership abbiamo potuto offrire il bike sharing a costi molto contenuti".

Il costo, in effetti, è uno degli aspetti positivi del progetto. Noleggiare una bici a pedalata assistita costerà 1 euro per o sblocco e 5 cent al minuto. Prezzi nettamente più bassi rispetto al settore monopattini: oltre a 1 euro per lo sblocco, Helbiz chiede 25 cent al minuto, ben 5 volte in più. Il Comune di Napoli non investirà un soldo, anzi incasserà un contributo per l'occupazione di suolo. 

Gli utenti dovranno scaricare un app e potranno sbloccare il servizio attraverso un qr code. Il sistema scelto è quello station based, cioè sarà necessario parcheggiare il mezzo in una delle ciclostazioni: "Crediamo che in questa prima fase sia il modo migliore per sperimentare il servizio salvaguardando le bici da eventuali atti vandalici - sostiene l'amministratore di Mc Consulting - Inoltre, anche se l'utente non trova posto in uno degli stalli, grazie a un sistema di geolocalizzazione potrà lasciarla nelle vicinanze". 

Sulla necessità di implementare il numero di biciclette è intervenuto anche l'assessore comunale ai Trasporti Marco Gaudini: "Sappiamo che 80 unità sono poche e per questo è attivo un bando affinché anche altri partner privati scelgano la nostra città". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Riparte il bike sharing a Napoli, ma con sole 80 bici

NapoliToday è in caricamento