La guardia di finanza della Campania dona 20mila pasti al Banco alimentare

L'iniziativa dei militari campani che hanno raccolto 25mila euro

Ventimila pasti donati alle famiglie bisognose grazie a una iniziativa benefica che ha consentito di raccogliere 25mila euro di fondi. È il risultato di una campagna promossa dai finanzieri del comando regionale della Campania per aiutare quella parte di popolazione che ha maggiormente subito gli effetti economici dell'emergenza sanitaria. A queste persone verranno donati i pacchi del Banco Alimentare della Campania.

"I finanzieri entrano in contatto con realtà difficili - ha detto Virgilio Pomponi, comandante regionale della guardia di finanza della Campania -. Questa raccolta solidale si pone in linea con la peculiare connotazione della guardia di finanza come forza di polizia economico-finanziaria a forte vocazione sociale per rendere più serena, anche in questo anno particolarmente difficile, la tradizionale ricorrenza ferragostana". Durante l'emergenza Covid, il Banco Alimentare è passato da 154mila a 221mila persone aiutate e assistite ogni mese. Nel primo semestre del 2020 sono state distribuite gratuitamente circa quattromila tonnellate di cibo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grazie al supporto delle fiamme gialle riusciremo a coprire tutte le domande in più che sono arrivate in questo periodo - ha spiegato Roberto Tuorto, direttore del Banco Alimentare Campania -. Servono aiuti concreti e stiamo immaginando di siglare un altro protocollo con la guardia di finanza per poter donare beni sequestrati a chi ne ha bisogno e non mandarli al macero. Una delle missioni del Banco Alimentare è, infatti, il contrasto allo spreco". Presto sarà attivata una collaborazione per destinare ai bisognosi i capi di abbigliamento contraffatti sottoposti a sequestro dai comandi del corpo della Regione. È già attiva, invece, un'intesa con l'azienda ospedaliera dei Colli finalizzata alla donazione da parte dei finanzieri e dei loro familiari guariti dal Covid-19 di plasma iperimmune come contributo per la ricerca sul nuovo coronavirus. Durante il lockdown sono state sottoposte a sequestro dalla guardia di finanza tre milioni e mezzo di mascherine e quasi 50mila litri di igienizzanti, in buona parte messi poi a disposizione delle strutture sanitarie della Campania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento