rotate-mobile
Attualità

Bagnoli: la storia in un film

Lo sguardo di chi è nato e cresciuto per innescare azioni risolutive. Anteprima alla Fondazione BancoNapoli

La storia di Bagnoli diventa un lungometraggio, girato con lo sguardo di chi nel quartiere ci è nato e cresciuto con lo scopo dichiarato di innescare azioni finalmente risolutive. Sarà presentato e proietatto questo lunedì, 23 gennaio, alle ore 17.00, negli spazi della Fondazione Banco di Napoli, in via dei Tribunali.  Firmato da Stefano Romano e intitolato "Flegrea - un Futuro per Bagnoli", è stato reso possibile da una raccolta fondi sulla piattaforma “Produzioni dal Basso”, che ha coinvolto oltre 330 sostenitori per un importo oltre i 18.000 euro e dal contributo della Film Commission Regione Campania. La distribuzione è stata finanziata dalla Fondazione Banco di Napoli, come anche la mostra delle suggestive fotografie, che si potrà visitare il giorno della proiezione del docufilm, che raccontano il rapporto con il territorio, le scelte che condizionano la vita, il legame con gli affetti e gli amici,il contesto con le storie, i luoghi, i personaggi e le emozioni che il film racchiude e che lo hanno ispirato, a partire dall'incontro nel 2016 con gli attivisti e le attiviste di Villa Medusa - Casa del Popolo. 

Alla presentazione saranno presenti il subconmissario per la bonifica di Bagnoli Dino Falconio, l’assessore comunale al Lavoro e Politiche giovanili Chiara Marciani, il rappresentante dell’Osservatorio popolare Dario Oropallo, l’assessore regionale all’Urbanistica Bruno Discepolo. A moderare l’incontro l’amministratore di Nisida environment Raffaele Vaccaro.  A ricevere gli ospiti il presidente della Fondazione Orazio Abbamonte. 

Tra gli argomenti che saranno discussi, il coinvolgimento della cittadinanza nel processo di bonifica, e nella futura gestione delle aree rigenerate, lo sviluppo di una collaborazione tra società civile e istituzioni responsabili, il rapporto tra le parti coinvolte, la possibilità di accelerazione del processo di rigenerazione dell’area di Bagnoli-Coroglio.

"Nel Mezzogiorno, e in molte altre zone d’Europa, l’inquinamento derivato da passate e ormai dismesse attività industriali ha provocato una drastica perdita di competitività, quanto di resilienza territoriale. L’abbandono di aree sterminate, preclude l’avvio di attività economiche stabili, riducendo al minimo le possibilità di sviluppo economico. Tutto questo porta ad ulteriori gravi conseguenze, come l’incremento della disoccupazione e dell’emigrazione giovanile. In Italia e in Europa il tema della rigenerazione di Siti di Interesse Nazionale come quelli di Bagnoli deve essere protagonista nel dibattito pubblico dei prossimi anni. In questo contesto e per questi motivi, la Nisida Environment insieme all’Associazione Zenith, all’autore e regista Stefano Romano e alla Fondazione Banco di Napoli si fa portavoce di questa realtà", sottolinea la nota di presentazione dell'evento. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagnoli: la storia in un film

NapoliToday è in caricamento