Giovedì, 29 Luglio 2021

Aurora (The Jackal) "cacciata perché donna": anche Ciro salta la Partita del Cuore

L'increscioso episodio è avvenuto ieri durante la cena pre-match

Ieri sera, alla vigilia della Partita del Cuore in programma questa stasera a Torino, Aurora dei The Jackal è stata "cacciata perché donna". Lei racconta il tutto, insieme a Ciro Priello, nelle stories Instagram. Durante la cena ufficiale pre-match, l'attrice viene avvicinata dal direttore generale della Nazionale cantanti, Gianluca Pecchini, che la invita ad andare via:

"Io e Ciro abbiamo pensato avessimo sbagliato tavolo, ma lui ha detto che Ciro poteva restare, io no, aggiungendo: 'Non mi far spiegare perché'. Ho spiegato che ero stata convocata per giocare, che mi erano state chieste anche le misure del completino, ma mi è stato risposto: 'Il completino te lo metti in tribuna, da quando in qua le donne giocano?'. A quel punto ci siamo arrabbiati e ci hanno cacciato dall'albergo", ha spiegato Aurora prima di annunciare che ne lei e ne Priello prenderanno parte all'evento benefico.

La replica: "Non accettiamo minacce"

Dopo la denuncia social, la notizia è divetata virale sul web e la nazionale Cantanti ha replicato con una nota: "Non accettiamo arroganza, minacce e violenza verbale» ha replicato la Nazionale Cantanti . «Alessandra Amoroso, Madame, Jessica Notaro, Gianna Nannini, Loredana Berte', Rita Levi di Montalcini, sono solo alcuni dei nomi delle tantissime donne che, dal 1985 (anno in cui abbiamo giocato a San Siro, per la prima volta , contro una compagine femminile) , hanno partecipato e sostenuto i nostri progetti.

Il nostro staff e' quasi interamente composto da donne, come quest'anno sono donne le conduttrici e la terna arbitrale della "partita del cuore"». La Nazionale Italiana Cantanti, «non ha mai fatto discriminazioni, di sesso, fama, genere musicale, colore della pelle , tipo di successo , e followers . C'è solo una cosa nella quale non è mai scesa a compromessi:

Noi non possiamo accettare arroganza, minacce, maleducazione e violenza verbale dai nostri ospiti». «Non e' la prima volta - conclude la Nazionale Cantanti - che qualcuno cerca pubblicita' ( e followers....) distorcendo, sfruttando e manipolando 40 anni di storia".

Ramazzotti: "Non siamo sessisti, razzisti, omofobi"

Dopo l'increscioso episodio, Aurora e Ciro hanno raccontato che diversi elementi della nazionale cantanti li hanno raggiunti per chiarire la cosa. Tra questi anche Eros Ramazzotti che, successivamente, ha affidato anche ai social un proprio commento: "Ciao a tutti. Noi della NIC ( Nazionale italiana cantanti)
Non siamo stati coinvolti direttamente nella vicenda scaturita dal comportamento di due persone dello staff. Stavamo parlando tra di noi mentre cenavamo, abbiamo sentito delle voci alzarsi senza capire cosa stesse succedendo.

Io ho provato a recuperare la situazione che era oramai precipitata. Domani mattina avremo un incontro con Aurora e Ciro per spiegare meglio la dinamica dell’avvenimento e scusarci pubblicamente dell’accaduto. NOI NON SIAMO SESSISTI e tantomeno RAZZISTI o OMOFOBI, anzi, ognuno fa qualcosa per chi ha bisogno ( da anni e in tempi non sospetti) sinceramente per un comportamento incauto di due persone dello staff, non possiamo passare per quello che non siamo. W sempre la solidarietà W le donne che sono parte fondamentale della nostra vita".

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Aurora (The Jackal) "cacciata perché donna": anche Ciro salta la Partita del Cuore

NapoliToday è in caricamento