rotate-mobile
Attualità Nola

Donne in gravidanza e neomamme, l'Asl non rinnova gli aiuti

È un servizio per il quale erano state assunte con contratti a tempo determinato, nel 2019, sei ostetriche e due infermiere pediatriche. Che adesso resteranno senza lavoro

In centinaia, tra donne in gravidanza e neomamme, rischiano di restare dal prossimo primo giugno senza il servizio di home visiting, attivato il primo giugno del 2019. Sono quelle residenti nell'area che ricade nell'Asl Napoli3 Sud, che copre dall'area nolana alla costiera sorrentina.

Il servizio in media, a mille mamme all'anno, assistite a casa per i primi "mille giorni": nei mesi precedenti al parto, con corsi di accompagnamento al parto e poi anche dopo per le prime necessità del neonato.

Si tratta di un servizio per il quale erano state assunte con contratti a tempo determinato sei ostetriche e due infermiere pediatriche; contratti che la direzione dell'Asl Napoli 3 Sud non vuole rinnovare, dopo la proroga concessa nel giugno 2022.

Si tratta di una situazione che riguarda anche altri lavoratori precari della stessa azienda sanitaria. Le sei ostetriche e due infermiere pediatriche hanno chiesto di essere stabilizzate, magari con un altro concorso o mediante un cambio del contratto, ma per ora la direzione dell'Asl non avrebbe risposto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne in gravidanza e neomamme, l'Asl non rinnova gli aiuti

NapoliToday è in caricamento