rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Attualità

BullyBuster, nasce l'app per mappare le violenze: tra gli ideatori la Federico II

Una semplice app installata nei cellulari o sui pc permette di segnalare comportamenti, frasi, video, foto, interventi in chat o altro che possa essere ricondotto ad azioni di bullismo o cyberbullismo

Si chiama "BullyBuster" uno dei progetti di eccellenza, pluripremiato e candidato a far parte dei migliori 100 progetti "AI based" per la risoluzione di problemi relativi agli "Obiettivi di sviluppo sostenibile". Una semplice app installata nei cellulari o sui pc permette di segnalare, ad esempio, comportamenti, frasi, video, foto, interventi in chat o altro che possa essere ricondotto ad azioni di bullismo o cyberbullismo.

Il progetto coinvolge gruppi di ricercatori di quattro università tra Sud Italia e Sardegna, specializzati non solo in tecnologia e intelligenza artificiale ma anche in diritto e psicologia. I responsabili scientifici delle quattro unità, specialisti in diversi campi di conoscenza tecnologica, psicologica e giuridica, sono i professori Carlo Sansone (Napoli Federico II, capofila), Gian Luca Marcialis (Cagliari, dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica), Donatella Curtotti (Foggia) e Donato Impedovo (Bari).

Le segnalazioni possono essere monitorate, in modo completamente automatico h24, sui singoli device ed elaborate da un sistema di intelligenza artificiale in grado di allertare le famiglie, le autorità scolastiche e, nel caso, anche le forze dell'ordine. Nell'iniziativa sono state coinvolte autorità scolastiche e il garante per l'infanzia e l'adolescenza della Campania, che collaboreranno per la diffusione di questo prodotto attraverso un tour nelle scuole.

Lo studio è stato finanziato con i fondi Prin (progetti di rilevante interesse nazionale), già premiato nel 2022 al Maker Faire European Edition e incluso nel "Maker Faire 10th Year Anniversary Book". Risulta, inoltre, candidato per l'inserimento nella lista dei 100 migliori progetti per la risoluzione di problemi relativi agli obiettivi di sviluppo sostenibile mediante utilizzo dell'intelligenza artificiale (International Research Centre for the Artificial Intelligence, IRCAI, supported by UNESCO).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

BullyBuster, nasce l'app per mappare le violenze: tra gli ideatori la Federico II

NapoliToday è in caricamento