rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022

"Migranti, prima si salva poi si discute": il festival di Mediterranea al Maschio Angioino

Quattro giorni di dibattiti e incontri pubblici, oltre che di musica: il resoconto video

È durato quattro giorni, tra dibattiti e musica, il festival "A bordo!", promosso dall’associazione Mediterranea Saving Humans per favorire l’incontro fra organizzazioni, reti sociali, cittadini impegnati nel salvataggio delle persone migranti e nella tutela dei diritti umani.

L'appuntamento al Maschio Angioino, dallo slogan "Prima si salva, poi si discute", ha avuto un programma ricco. Nei dibattiti e negli incontri pubblici sono stati messi a confronto esperienze e punti di vista basati sulla testimonianza diretta di operatori del soccorso, oltre che di persone scampate a contesti invivibili e a situazioni drammatiche: non soltanto dalle guerre o dalla prigionia in Africa, ma anche dal conflitto in Ucraina.

Il festival "A bordo!" era stato presentato a fine luglio a Palazzo San Giacomo, ed è stato realizzato col patrocinio del Comune di Napoli.

Fra le iniziative anche un ricordo di Gino Strada e della sua eredità culturale, col contributo della moglie Simonetta Gola giornalista e attivista di Emergency. A conclusione delle giornate di lavoro il cortile del castello si è animato con serate di festa e di musica dal vivo.

Sullo stesso argomento

Video popolari

"Migranti, prima si salva poi si discute": il festival di Mediterranea al Maschio Angioino

NapoliToday è in caricamento