rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Lavoro

Servizio Civile con Unitalsi: posti disponibili anche in Campania

Servizio agli anziani, sensibilizzazione verso la fragilità e l'educazione ai più piccoli tra i principali obiettivi dei tredici i progetti - in Italia e all’Estero - e quattro programmi d’intervento. Le domande dovranno essere presentate entro il 26 gennaio 2022

È stato pubblicato il Bando per la selezione degli operatori volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Universale in Italia e all’Estero. I progetti dell’UNITALSI sono 13 associati a quattro programmi d’intervento di cui tre per l’Italia e uno per l’Estero, per un totale di 336 posti disponibili. Le domande dovranno essere presentate entro il 26 gennaio 2022.
 
Al primo programma, dal titolo “PER AMORE, SOLO PER AMORE” sono associati cinque progetti ed è rivolto all’assistenza alle persone disabili. E, novità di quest’anno, l’unico fra i programmi che prevede una riserva di posti per i candidati che sono portatori di handicap. I posti disponibili, per l’intero programma, sono 240 per l’aree Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Isole.

Il titolo del progetto, è ispirato al titolo del romanzo di Pasquale Festa Campanile, la cui storia di Giuseppe che, per evitare lo scandalo di Maria incinta, raccontò dell’Angelo rassicurante andatogli in sogno verso una Maria senza colpa, evoca una risposta che sovente gli unitalsiani si trovano a dare ai propri interlocutori: perché lo fate? Perché vi prodigate per le persone disabili, anziane, sole, povere, fragili? E la risposta è quasi sempre la stessa: per amore, solo per amore! 
 
Al secondo programma “NEGLI OCCHI L’ARCOBALENO” sono associati tre progetti:
Blu cobalto, (le cui sedi sono nella sezione calabrese), Bianco splendente (le cui sedi sono nella sezione pugliese). Rosso rubino (le cui sedi sono in Sicilia). L’obiettivo del progetto è l’animazione culturale verso i minori e i posti disponibili sono 32. 
Lo stupore dei bambini alla vista di questo speciale fenomeno atmosferico è la stessa meraviglia che essi hanno per la vita. Coloro che partecipano ai progetti educativi associativi spesso sono meno fortunati di altri: hanno case spartane, talvolta vuote di affetti e senza nessun colore. 

Con queste proposte educative e ludico-ricreative l'Unitalsi prova a mostrare loro l’arcobaleno della vita. Inoltre, per i progetti: il bianco, è il colore per eccellenza della calce e della pietra con cui sono costruiti i trulli. Ed è proprio in Puglia che si realizza questo progetto. Il blu è il colore prevalente dello stemma della regione Calabria e ad Isola di Capo Rizzuto si svolgono queste attività. Il rosso, come uno dei colori della bandiera siciliana, l’isola chiamata Trinacria il cui volto, in svariate immagini iconografiche, è spesso adornato con gioielli di rubino.
 
Al terzo programma, “LE CURE DEL CUORE”, sono associati i progetti: La vita ogni giorno! (per le case-famiglia Mons.Frezza di Barletta e Cassiopea di Pisa), Ti Accolgo! (per la Fondazione Policlinico Gemelli, con le Case Sofia ed Amelia, e per le Case di accoglienza del Progetto dei Piccoli di Genova e Roma).Codice di condotta: amare! (per la casa di Gigi di Castignano e Casa Speranza di Barletta). 

L’obiettivo del programma è l’assistenza ai pazienti affetti da patologie temporaneamente o permanentemente invalidanti. I posti disponibili per questo programma sono 52. Il tema del progetto è ispirato all’omelia di Papa Francesco, declamata dal Cardinale Parolin alla Messa di Capodanno 2021, quando Sua Santità ha detto che il solo vaccino, per le cure delle attuali ferite del mondo, non è sufficiente.

I bambini e loro famiglie, che l’UNITALSI ospita nelle case accoglienza del Progetto dei Piccoli non hanno bisogno soltanto delle cure mediche, ma anche di quelle del cuore. Lontani dalle loro residenze, dai loro affetti, i piccoli hanno bisogno di ritrovare quel calore umano e quel sostegno psicologico altrettanto necessari per affrontare insieme alle loro famiglie, con la forza d’animo che serve, la tragedia della malattia. 

“Amare e accogliere sono nel dna di ogni volontario dell’Unitalsi - ha sottolineato Cosimo Cilli Consigliere Nazionale e responsabile del Settore Servizio Civile Universale Unitalsi - il prendersi cura di chi soffre ed è solo, l’essere vicino a chi vive una disabilità, la solitudine renderà questi ragazzi maturi e consapevoli di quanto possa essere importante impegnarsi per gli altri e per il bene comune”.

Il quarto ed ultimo programma riguarda il volontariato svolto all’estero. “LOURDES: UN VIAGGIO DA RICOMINCIARE”, al quale sono legati i progetti: Sui passi di Bernadette, presso il Salus Informorum, sede dell’Unitalsi a Lourdes e Pellegrini dal mondo, presso il Santuario Notre Dame de Lourdes. L’obiettivo è la promozione della cultura italiana all’estero e i posti disponibili sono 12.

Questo progetto nasce dalla tragedia della pandemia, che ha pesantemente colpito la nostra associazione e che ha cancellato l’intera stagione dei pellegrinaggi previsti nei principali luoghi di culto mariano nel mondo. A partire da Lourdes. Per questo Lourdes è un viaggio da ricominciare. Intraprendendo per i soci “SUI PASSI DI BERNADETTE” e sui passi dei “PELLEGRINI DAL MONDO”, ovvero di tutte le persone che arrivano a Lourdes anche da non credenti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio Civile con Unitalsi: posti disponibili anche in Campania

NapoliToday è in caricamento