rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Animali Via Licola Mare

240 cani cercano coccole: come diventare volontario Arpad

Adozione a distanza, volontariato, rifornimenti di cibo e coperte: come aiutare i cani abbandonati e maltrattati.

L'Arpad - Associazione per la protezione dell'animale domestico di Licola nel vasto panorama dei rifugi per animali del nostro territorio costituisce un piccolo gioiellino: qui, infatti, i pelosi salvati per strada trovano non solo un ambiente confortevole (non ci sono gabbie, solo ampi box), ma tantissimo amore: i cani recuperati per strada, maltrattati, feriti, denutriti, non solo vengono curati, assistiti e rifocillati sotto la guida attenta del veterinario Francesco Russo ma, grazie ai volontari coordinati dal presidente Stefania Volpe, anche  portati a spasso sulla spiaggia vicina per quella che è una vera e propria "talassoterapia" o in campagna per lunghe escursioni di trekking e riempiti di coccole. Chia ha la fortuna di trovare una famiglia, inoltre, viene seguito attentamente di modo che l'inserimento avvenga nel migliore dei modi.

Una storia d'amore lunga quasi 40anni

Il rifugio Arpad nasce sul lungomare di Pozzuoliquasi 40 anni fa. E'a infatti il 1984 quando Giovanna De Vita dà vita alla struttura che oggi ospita ben 240 cani, di ogni tipo ed età.  Oggi ottantunenne, la signora De Vita ha passato il testimone alla nipote, Stefania Volpe: un concentrato di entusiasmo, energia e, soprattutto, amore . "I nostri ospiti provengono da abbandoni e maltrattamenti, è necessario conquistare la loro fiducia, dimostrare che sono finalmente al sicuro - spiega - per la loro salute, poi, è fondamentale farli sgambare perché, anche se i box sono ampi e confortevoli, come qualsiasi essere, i cani soffrono tantissimo la reclusione: hanno bisogno di camminare, correre, e ricevere tante coccole".

Storia di Noah

WhatsApp Image 2021-10-15 at 18.23.47-2

Le storie sono tante e bellissime. Tra le più recenti c'è quella di Noah, un meraviglioso esemplare di pit-bull femmina, arrivata all'Arpad dopo essere stata posta sotto sequestro nel corso di un'operazione della Polizia. Cuore da cucciola e occhi dolcissimi, Nora ha conquistato sin da subito uno degli agenti che aveva partecipato all'operazione. "Si vedeva che il loro era vero amore - racconta Stefania - l'agente veniva spesso a trovare Nora, le parlava, la coccolava. Poi l'ha portata come ospite, a casa, per farla conoscere al marito, che era molto titubante sia per la razza, normalmente ritenuta pericolosa, sia per la storia che era fatta di abusi e violenza. Quando l'hanno riaccompagnata - prosegue la presidente Arpad -  Nora piangeva, letteralmente, come un bambino, e l'agente con lei. Il marito allora ha detto torniamo a casa".

Adesso Noah e l'agente sono inseparabili.

Nessun aiuto dal Comune

ARPAD allo stato è senza contributi e senza risorse

Pur ospitando ben 60 cani del Comune, alcuni ormai da circa 10 anni, infatti, per questioni di termini e carte bollate, il rifugio è rimasto senza finanziamenti dell'amministrazione cittadina: "per noi si trattava di una risorsa essenziale, vitali: quei fondi servono per comprare il cibo e le medicine. Per questo abbiamo dovuto lanciare un appello chiedendo di aiutarci. Anche una piccolissima somma può fare la differenza per i nostri ospiti".

Le donazioni possono essere fatte ad ARPAD onlus - c/c  IT20K0306909606100000108468?. In vista dell'inverno, con l'arrivo del freddo, occorrono anche coperte e, ovviamente, cibo.

Adozione a distanza e adozione:una formula per tutti

Per chi vorrebbe tanto avere un cane ma non può perché non ha tempo o modo, Arpad ha studiato diverse formule che consentono, comunque, sempre, di poter interagire con il peloso che conquista il nostro cuore: c'è infatti la possibilità di un'adozione a distanza, formula scelta, ad esempio, da Francesco Sollo (l'autore della nostra foto-gallery) che ha fatto dell'aiuto agli altri una costante scelta di vita. Volontario della Protezione Civile, attivista a Fuorigrotta, ambientalista convinto, "Ho una casa molto piccola dove, peraltro, non sto mai. Tenere un cane mi è impossibile, non potrei accudirlo - spiega Francesco - ma non potevo rinunciare ad aiutare uno di quei pelosi. Così ho adottato a distanza Kiko. Quando posso vado a trovarlo e lo accompagno nelle passeggiate di trekking o sulla spaggia: è una vera gioia". 

Rifugio Arpad (Foto Francesco Sollo)

Come diventare volontario Arpad

Se ami i cani, ti piace stare con loro, accarezzarli, accudirli, portarli a spasso, diventare volontario Arpad è sicuramente la scelta che fa per te. 

"Abbiamo bisogno di aiuto. 240 cani sono davvero tantissimi, ma non vogliamo abbandonare nessuno di loro. Alcuni sono con noi da oltre un decennio. Questa è la loro casa - spiega infatti Stefania - contattateci e partecipate ai nostri open day di formazione". Il prossimo, con l'istruttrice Maria Guarino, è in programma per domenica 24 ottobre. Info al telefono:  +39 320 803 7723.

Per entrare nel team, infatti, è necessario un colloquio conoscitivo e poi un training specifico per apprendere le tecniche che consentiranno di "comunicare" correttamente con i pelosi 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

240 cani cercano coccole: come diventare volontario Arpad

NapoliToday è in caricamento