rotate-mobile
Animali

Come adottare un elefante

Il 12 agosto è la giornata mondiale dell'elefante, che resta una specie ad alto rischio estinzione. La campagna del Wwf

Gli elefanti non sono solo animali magnifici, ma svolgono anche un’importanza fondamentale per gli ecosistemi: sono infatti veri e propri “giardinieri”. Mangiando più di cento frutti di alberi differenti, disperdono e aiutano la germinazione di molti semi, permettendo la diffusione di specie arbustive arboree in ambienti aridi come quelli della savana. Sono inoltre potenti bulldozer che calpestano cespugli, abbattono alberi e creano sentieri e radure. La loro azione facilita la presenza di alberi a crescita lenta con alta densità di legno, che sequestrano più carbonio dall'atmosfera rispetto alle specie di alberi a crescita rapida che costituiscono il cibo preferito dagli elefanti. Inoltre con la loro azione creano spazi e habitat idonei alla presenza di molte altre specie.

Quante specie di elefanti ci sono in Africa

In Africa esistono due specie di elefante: l'elefante della savana (Loxodonta africana) che tutti conosciamo, e l'elefante della foresta (Loxodonta cyclotis) meno conosciuto e di dimensioni ridotte.

Le due specie sono state valutate separatamente dalla IUCN nella “Red List” delle specie minacciate di estinzione per la prima volta nel 2021. In precedenza le due specie venivano considerate come una sola, classificata come “vulnerabile”. Oggi l’elefante di savana è classificato come “in pericolo” e l’elefante di foresta risulta addirittura inserito tra le specie in “pericolo critico”, ovvero con elevato rischio di estinzione a breve termine.

Cosa minaccia gli elefanti

Le minacce alla vita degli elefanti sono tutte imputabili alle attività umane: le alterazioni dell'ambiente, con la necessità di continui spostamenti alla ricerca di acqua, il bracconaggio che ogni anno costa la vita ad oltre 20.000 elefanti, la riduzione dell'ambiente disponibile: in tutto il continente africano restano ancora solo 18 milioni di km2 di terra idonei di cui solo il 17% è effettivamente abitato dai pachidermi.

Nuove tecnologie, azioni di sensibilizzazione, lotta al bracconaggio e una maggiore attenzione all’habitat del mammifero terrestre più grande del pianeta sono le strategie che possono aiutarci a salvare gli elefanti, spiega il WWF che aggiunge:spiega che ognuno di noi può fare la sua parte, anche attraverso l’adozione simbolica di uno o più elefanti sul sito WWF

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come adottare un elefante

NapoliToday è in caricamento