Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'asilo rinasce grazie all'impegno di direttrice e maestre: "Rischiavamo la chiusura"

Il Fata Colorella di Chiaiano

 

Rinasce l’asilo comunale “Fata Colorella” di Chiaiano grazie all’impegno costante della direttrice e delle maestre. Meno di un anno fa la scuola è stata oggetto di un nostro articolo nel quale si denunciava lo stato di degrado in cui versava la struttura, per non parlare dell’assurda mancanza di carta igienica e altri beni di prima necessità. Una situazione difficile che in pochi mesi e con tanto lavoro è stata capovolta. I risultati sono stati presentati ieri nel corso di una speciale festa di Natale: i 18 bimbi della scuola, vestiti a tema, hanno passato un pomeriggio insieme alle maestre e ai genitori all’insegna del divertimento, in un fantastico Villaggio di Natale.

Ovviamente, soddisfazione e gioia per la direttrice Felicia Rusciano che, nel percorso verso questo “miracolo”, ha voluto creare una rete e una cooperazione intensa anche con i genitori dei piccoli. “Tutto quello che vedete è stato fatto con un fondo creato da me e dalle maestre, con la collaborazione dei genitori e di tutti quelli che vivono la scuola”, ha detto la direttrice ai nostri microfoni.

Un anno fa questo asilo era destinato alla chiusura – ha continuato - Quando sono arrivata c’erano solo 5 bambini, oggi ne abbiamo 18 e speriamo di riuscire ad aprire la scuola lattanti per il prossimo anno. Abbiamo delle maestre giovani, valide e con tanta voglia di fare. Abbiamo avuto anche un aiuto dai genitori. Il nostro scopo è quello di favorire l’integrazione scuola-famiglia, ma anche creare relazioni tra le famiglie”.

Nonostante il clima di festa, però, non manca una nota polemica verso il Comune. L’asilo è tornato a vita nuova grazie all’autotassazione di chi vi lavora, senza avere alcun contributo: “Con il nostro fondo abbiamo acquistato tutto. Non è che il Comune sia diventato improvvisamente ricco”. Dalla scuola sperano che questa assenza delle istituzioni possa essere presto colmata (anche parzialmente) ed è questo quello che la direttrice ha fatto presente all’assessore di riferimento Annamaria Palmieri.

Questa fantastica realtà (vale anche per gli altri asili cittadini) va tutelata e aiutata a crescere, se non almeno a restare a galla. Allora, se quella dell’assessore non è stata solo una passerella politica, c’è bisogno che le promesse fatte ieri davanti a quei bambini gioiosi vengano mantenute: “Con i fondi del MIUR stiamo per acquistare un computer nuovo per ogni circolo comunale. Inoltre, l’anno scorso abbiamo fatto un investimento, i cui risultati vedremo in questa Primavera, per i giochi esterni. Infine, vogliamo comprare un po’ di sussidi didattici”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento