Stadio San Paolo, Borriello: "Sediolini rotti? Li sostituiamo di volta in volta"

L'assessore comunale allo Sport sulla questione sediolini

"Sediolini danneggiati al San Paolo? Voglio tranquillizzare tutti, accade in ogni stadio d’Italia. E’ fisiologico che ci sia qualche sediolino rotto in ogni match e per questo abbiamo oltre 3mila sediolini che andremo a cambiare di volta in volta". Così l'assessore comunale allo Sport Ciro Borriello, intervenendo alla trasmissione "Si gonfia la rete", in onda su Radio Marte, è tornato a parlare della questione sediolini allo Stadio San Paolo.

"Nella verifica post gara, andiamo a cambiare i sediolini danneggiati. Non c’è convenzione attualmente col calcio Napoli, ma tutti sappiamo che la responsabilità di tutto ciò che avviene durante la partita è a carico di chi gestisce l’evento. La firma non c’è stata ancora sulla convenzione, ma non c’è un nodo, ci sono solo piccole questioni da risolvere. De Laurentiis sa bene che se non firma, usufruirà del San Paolo partita per partita pagando il 10% degli incassi. Nella convenzione la pulizia sarà a carico del calcio Napoli. Al momento è a carico nostro ma sarà un costo che verrà addebitato alla società. I tabelloni sono gestiti da noi attualmente, ma non abbiamo la licenza per trasmettere le immagini della partita che sono di proprietà del calcio Napoli e quindi non possiamo ad esempio trasmettere le immagini del gol", ha concluso l'assessore Borriello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento