Icardi-Napoli, Milik-Inter: si riapre la trattativa

La conferma di Dzeko alla Roma scuote il mercato degli attaccanti tra le 'big' in Serie A

Icardi

La conferma di Dzeko alla Roma, con un lungo rinnovo fino al 2022 annunciato a sorpresa dal club giallorosso nelle ultime ore, scuote il mercato degli attaccanti in Serie A, con il Napoli possibile protagonista nei prossimi giorni.

Tutto ruota attorno a Mauro Icardi, il centravanti argentino in uscita dall'Inter, conteso dagli azzurri e dalla Juve.

La permanenza di Dzeko alla Roma, oltre ad eliminare una concorrente per il club partenopeo, toglie dal mercato un possibile rinforzo in attacco per i milanesi, alla ricerca di un ultimo tassello nel reparto avanzato da cosegnare ad Antonio Conte.

Ecco allora che per i nerazzurri torna in auge il nome di Akradiusz Milik, in una possibile operazione che potrebbe portare Icardi all'ombra del Vesuvio in cambio del cartellino del centravanti polacco più un conguaglio economico di circa 20 milioni di euro.

Tutto, però, passa anche e soprattutto per la volontà di Icardi. Il giocatore sembra al momento intenzionato ancora ad aspettare la Juve, che però dal canto suo non riesce a dismettere Higuain e Mandzukic. Resta d'attualità anche la pista che porterebbe ad uno scambio tra "Maurito" e Dybala, anche se al momento le due società sembrano aver congelato questa ipotesi.

Quel che appare certo, dunque, è che le ultime due settimane di trattative saranno molto movimentate, con il Napoli tra le possibili grandi protagoniste del valzer delle punte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

  • Lieto fine per il 30enne scomparso da Napoli: è stato ritrovato

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

Torna su
NapoliToday è in caricamento