Rapina a Insigne, la moglie: "Sono stati attimi di terrore"

Due malviventi in sella ad uno scooter hanno accerchiato e rapinato al viale Gramsci i coniugi Insigne che erano in auto con alcuni amici

Insigne e la moglie

Sono stati cinque minuti di terrore per Insigne e per la moglie, sabato 27 febbraio, quando due malviventi in sella ad uno scooter li hanno accerchiati e poi rapinati al viale Gramsci

La donna, Genny Darone, racconta al Corriere del Mezzogiorno la vicenda, precisando però subito: "Penso che sono cose che possono accadere ovunque, le vittime non sempre sono calciatori. Succede ovunque. Ed è terribile ovunque. Solo chi subisce esperienze del genere può comprendere cosa si prova. In quegli attimi ti passa di tutto per la mente. Ho pensato ai miei figli e l’unica cosa che speravo era di riuscire a fuggire per andare a casa e riabbracciarli. Ci era già capitato più o meno un anno fa in via Marina".

LA DINAMICA - "Eravamo usciti dal ristorante con due amici e stavamo tornando a casa. C’era molto traffico in viale Gramsci. Già da qualche minuto mi ero accorta che quel motorino seguiva la nostra auto. Lo avevo anche detto a Lorenzo, ma lui mi ripeteva di non preoccuparmi. Per lui erano tifosi che lo avevano riconosciuto e magari volevano chiedere una foto. Poi, però, al semaforo è accaduto ciò che temevo. Quel motorino si è affiancato all’auto e il conducente ha puntato la pistola contro il finestrino, intimandoci di aprire lo sportello. Lorenzo ci ha detto di non preoccuparci, avrebbe dato tutto a queste persone e saremmo andati via. Così è stato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL RACCONTO - Le parole di un'amica dei coniugi Insigne ai rapinatori: "Avete capito chi state rapinando? Lui è Insigne. A quel punto, uno di loro ha detto: sì, facci un gol lunedì a Firenze", 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

Torna su
NapoliToday è in caricamento