Napoli, Gattuso si presenta: "Obiettivo Champions. Calciatori funzionali al mio progetto"

Il tecnico si è presentato ufficialmente alla stampa a Castel Volturno, preannunciando un ritorno al 4-3-3

Gattuso in conferenza stampa (foto Twitter @sscnapoli)

"E' stato facile dire sì al Napoli. E' una grande squadra, protagonista da anni in Italia e in Europa. Quasi tutti i giocatori sono funzionali alla mia idea di calcio. Sembrano fatti a pennello. 4-3-3? Ho i giocatori giusti per fare quel sistema di gioco. Ci sarà qualche cambiamento nelle posizioni. A me non piace giocare con due linee da 4. L'obiettivo è andare in Champions, è inutile nascondersi. Dobbiamo recuperare punti, nonostante il momento difficile. Dobbiamo lavorare a testa bassa. Vedere questa squadra al settimo posto crea imbarazzo. So dove sono venuto e che responsabilità ho. Chi mi conosce, però, sa che non ho paura di nulla. I tifosi? Dobbiamo essere bravi noi a far tornare l'entusiasmo". Così Gennaro Gattuso ha aperto la conferenza stampa di presentazione come nuovo allenatore del Napoli a Castel Volturno, dopo aver diretto il suo primo allenamento. 

"Ho visto il presidente domenica sera alle 21,00 per la prima volta. Contratto? 6 mesi, opzione... contano solo i risultati nel calcio. Sono stati due giorni non facili. Stamattina ho chiamato Carlo Ancelotti, per spiegargli la mia scelta e lui per l'ennesima volta si è dimostrato un grandissimo uomo. Quello che ci siamo detti lo tengo per me. Lui è un papà calcistico per me. Spero di fare il 10% della sua carriera da allenatore", ha spiegato il nuovo tecnico azzurro. 

Gattuso non ha voluto rispondere a domande su Ibrahimovic: "Oggi voglio parlare dei calciatori che ho a disposizione. Quando un allenatore parla di altri calciatori, è una mancanza di rispetto nei confronti dei suoi". 

L'allenatore ha fatto anche riferimento al prossimo incontro con il Parma, in programma sabato al San Paolo: "Si tratta di una squadra che vive un ottimo momento. Sono carichi a pallettoni. Formazione? Sarei un ipocrita se dicessi che non ci ho pensato. Vedremo chi ha recuperato e valuteremo. Insigne? Punto su di lui, come su tutti gli altri". 

Al fianco di Gattuso, il presidente Aurelio De Laurentiis: "Ringrazio Carlo Ancelotti. Resterò sempre suo amico. Talvolta, però, anche moglie e marito si separano. Dovevo tutelare la sua storia e il suo palmares". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento