Sarebbe dei russi dell'Anzhi l'offerta di 50 milioni per Pastore

La ricchissima squadra del petroliere Kerimov, che già vanta fra le sue fila Roberto Carlos e Jucilei, sarebbe pronta a svenarsi per avere l'argentino

L'offerta di 50 milioni per Javier Pastore, di cui parlano Zamparini e l'agente del calciatore Simonian, sarebbe arrivata e come, ma dalla fredda Russia e più precisamente dall'Anzhi, la squadra dell'arci miliardario petroliere Kerimov, che ha già ricoperto d'oro Roberto Carlos e Jucilei, tra gli altri.

Oltre a sborsare sull'unghia quanto richiesto dal Palermo, la compagine del Daghestan sarebbe pronta a mettere sul piatto per il "Flaco" un ingaggio da 6 milioni di euro netti a stagione più premi e bonus.

Lo stesso Zamparini, ai microfoni di Radio Radio, ha dato un indizio in tal senso, parlando di "un'offerta di 50 milioni giunta ai procuratori del giocatore da una squadra con il campionato in corso".

Ma sia il calciatore che il suo entourage, aspettano che arrivi un'offerta da una grande del calcio europeo, seppur meno vantaggiosa dal punto di vista economico, rispetto a quella russa, che non solletica troppo a livello tecnico ed ambientale.

In molti avevano individuato in Pastore il possibile sostituto di Hamsik al Napoli, qualora lo slovacco dicesse addio all'azzurro, e nelle ultime ore il fantasista dell'Albiceleste era stato accostato con insistenza anche al Milan, ma a queste cifre sembra davvero difficile che il giocatore possa rimanere in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento