Napoli-Lazio, i convocati di Gattuso

Mancheranno anche Maksimovic, Ghoulam, Allan e Younes. I biancocelesti faranno invece a meno di Luis Alberto

Ansa

Attivazione muscolare, esercitazioni tecnico-tattiche, lavoro finalizzato al possesso palla. È così che si è allenato il Napoli a Castel Volturno in vista della sfida - valida per i quarti di finale di Coppa Italia - con la Lazio, in programma domani alle 20.45 al San Paolo.

Maksimovic, Mertens, Ghoulam e Koulibaly si sono allenati a parte, mentre Younes ha preso un colpo durante l'allenamento e non sarà della gara. Ulteriore brutta notizia, lo stop di Allan per un risentimento muscolare. I convocati da Gattuso sono quindi Karnezis, Meret, Ospina in porta; Di Lorenzo, Hysaj, Luperto, Manolas, Mario Rui, Tonelli in difesa; Demme, Elmas, Lobotka, Fabian Ruiz, Zielinski a centrocampo, Callejon, Insigne, Leandrinho, Llorente, Lozano, Milik in attacco.

La Lazio si approccia alla gara mettendo in campo la squadra migliore possibile. "Per noi la Coppa Italia rappresenta molto - ha dichiarato Simone Inzaghi - andremo a Napoli per offrire una grande prestazione e passare il turno". Il tecnico biancoceleste dovrà fare a meno di Luis Alberto (problema al flessore), Cataldi, Marusic e Lukaku. Torna Lulic e gioca Strakosha, che pure ieri aveva effettuato dei controlli clinici al gomito. In difesa quindi Acerbi con Bastos e Luiz Felipe, a centrocampo Lazzari e Lulic sugli esterni, al centro Lucas Leiva con Parolo e Milinkovic-Savic, in attacco Immobile e Caicedo.

 83177037_3048617461838474_1505937558293446656_o-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: sospetto caso di Coronavirus

  • L'Amica Geniale 2, le anticipazioni sugli episodi 3 e 4

  • Muore dopo il parto: indaga la Procura

  • Arriva la sciabolata polare sull'Italia, anche a Napoli temperature giù

Torna su
NapoliToday è in caricamento