Ancelotti bacchetta la squadra: “I giocatori devono prendersi le loro responsabilità”

Il tecnico del Napoli è stato durissimo dopo la sconfitta con il Bologna. Domani confronto con la squadra

Foto Ansa

È un Carlo Ancelotti che non ha risparmiato nessuno quello che è andato ai microfoni di Sky nel post-partita. L'allenatore del Napoli ha inchiodato i calciatori alle proprie responsabilità e ha annunciato un confronto con la squadra. Dure le sue parole che sanno di aut-aut allo spogliatoio. 

Le parole di Ancelotti 

“Sto vedendo una squadra che non riesce a mantere un livello di applicazione, attenzione, continuità soprattutto in campionato. Livello che invece abbiamo mantenuto in Champions. Oggi abbiamo fatto un primo tempo buono, ma niente di eccezionale, e poi siamo calati nel secondo tempo. Dovevamo prevederlo perché lo sforzo con il Liverpool era stato grande. Stiamo passando un momento negativo e sarà necessario un confronto squadra per trovare la maniera di uscire da questo momento di difficoltà che è troppo lungo. Pensavamo che fosse finito con la partita con il Liverpool invece non è stato così. Obiettivamente sta durando da troppo tempo.

Solitamente in questi casi l'allenatore si prende le responsabilità però domani voglio confrontarmi con la squadra e capire cosa cambiare e come migliorare insieme. Voglio che anche loro si prendano le proprie responsabilita. Chiederò secondo loro perché le cose non vanno bene e se i giocatori mi aiutano a trovare i metodi va bene altrimenti li trovo da solo. Non credo sia un problema dovuto alle frizioni con la società. È un problema tecnico e tattico, va trovata più continuità, un assetto più preciso. Da qualche parte dobbiamo andare e a questa squadra manca compattezza rispetto a quella dimostrata contro il Liverpool.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giocatorri si devono sentire responsabili, non voglio prendermi tutte le responsabilità. Io cercherò di dare una direzione più precisa ma poi sono loro che vanno in campo e ci devono mettere del loro. Adesso ce lo stanno mettendo in parte. Si è perso qualcosa, siamo meno fluidi, meno efficaci, la costruzione del gioco è spesso arruffata. È un problema di star lì con la testa e stare a 100%. Non è un problema di selezione degli uomini, il collettivo non sta funzionando. Chi va in campo deve cercare di fare qualcosa di più”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento