Ancelotti bacchetta la squadra: “I giocatori devono prendersi le loro responsabilità”

Il tecnico del Napoli è stato durissimo dopo la sconfitta con il Bologna. Domani confronto con la squadra

Foto Ansa

È un Carlo Ancelotti che non ha risparmiato nessuno quello che è andato ai microfoni di Sky nel post-partita. L'allenatore del Napoli ha inchiodato i calciatori alle proprie responsabilità e ha annunciato un confronto con la squadra. Dure le sue parole che sanno di aut-aut allo spogliatoio. 

Le parole di Ancelotti 

“Sto vedendo una squadra che non riesce a mantere un livello di applicazione, attenzione, continuità soprattutto in campionato. Livello che invece abbiamo mantenuto in Champions. Oggi abbiamo fatto un primo tempo buono, ma niente di eccezionale, e poi siamo calati nel secondo tempo. Dovevamo prevederlo perché lo sforzo con il Liverpool era stato grande. Stiamo passando un momento negativo e sarà necessario un confronto squadra per trovare la maniera di uscire da questo momento di difficoltà che è troppo lungo. Pensavamo che fosse finito con la partita con il Liverpool invece non è stato così. Obiettivamente sta durando da troppo tempo.

Solitamente in questi casi l'allenatore si prende le responsabilità però domani voglio confrontarmi con la squadra e capire cosa cambiare e come migliorare insieme. Voglio che anche loro si prendano le proprie responsabilita. Chiederò secondo loro perché le cose non vanno bene e se i giocatori mi aiutano a trovare i metodi va bene altrimenti li trovo da solo. Non credo sia un problema dovuto alle frizioni con la società. È un problema tecnico e tattico, va trovata più continuità, un assetto più preciso. Da qualche parte dobbiamo andare e a questa squadra manca compattezza rispetto a quella dimostrata contro il Liverpool.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giocatorri si devono sentire responsabili, non voglio prendermi tutte le responsabilità. Io cercherò di dare una direzione più precisa ma poi sono loro che vanno in campo e ci devono mettere del loro. Adesso ce lo stanno mettendo in parte. Si è perso qualcosa, siamo meno fluidi, meno efficaci, la costruzione del gioco è spesso arruffata. È un problema di star lì con la testa e stare a 100%. Non è un problema di selezione degli uomini, il collettivo non sta funzionando. Chi va in campo deve cercare di fare qualcosa di più”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento