Il Napoli spreca e perde in casa con l'Atalanta. Ancelotti: “Potevamo fare di più”

Dopo essere passati in vantaggio, gli azzurri si fanno rimontare e crollano nel finale

Foto Ansa

Il Napoli spreca tanto e butta via la partita contro l'Atalanta al San Paolo. Gli uomini di Gasperini negli ultimi 30 minuti hanno ribaltato una partita dominata per un'ora dagli uomini di Ancelotti. Il Napoli parte nettamente meglio e crea occasioni su occasioni arrivando più volte davanti a Gollini. Fino al gol di Mertens, fortunoso, ma dopo una grande azione della squadra. 

Gli azzurri continuano a creare occasioni sprecando con Zielinski, Mertens e Milik che vede il pallone quasi superare la linea fino all'arrivo di Masiello che salva. Da quel momento cambia il match che prende la strada dei bergamaschi che riescono a pareggiare prima con Zapata e poi ribaltano con Pasalic. Gli uomini di Ancelotti crollano e lasciano sul campo tre punti che sembravano scontati. 

Le parole di Ancelotti 

Molto deluso Ancelotti che traccia anche un primo bilancio della stagione oltre a parlare della partita. “Per un'ora abbiamo fatto molto bene ma abbiamo speso molto. Con il gol del pareggio a livello fisico e a livello psicologico siamo calati. Abbiamo giocato con una grande squadra. Considerato il fatto che loro sono molto bravi nei duelli e negli uno contro uno abbiamo fatto in modo di non dare punti di riferimento. Giocare contro l'Atalanta non è mai facile. - parlando poi della stagione - La seconda parte di stagione abbiamo perso qualcosa, non penso per il fatto che abbiamo perso giocatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abbiamo perso qualcosa a livello di spirito e concentrazione. Dobbiamo blindare il secondo posto e poi pensare alla prossima stagione. Sono dispiaciuto perché questa squadra deve e può dare di più. Quando perdi un po' la motivazione arrivi in ritardo su una chiusura o su un gol e quando non sei al 100% l'attimo ti sfugge. A questa squadra bisogna dare continuità e il grosso della rosa resterà”. Infine ha parlato anche di Insigne: “Insigne è un patrimonio di questa squadra e deve riprendersi. Lui ha giocato tre partite in una settimana con un grande dispendio psicofisco e ho preferito preservarlo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

Torna su
NapoliToday è in caricamento