Napoli-Arsenal, il Questore De Iesu: "Ci prepariamo sempre al peggio, ma non ci sono allarmi"

Il punto sull'ordine pubblico in vista dell'attesissimo match di Europa League in programma al San Paolo giovedì sera

"Noi ci prepariamo sempre al peggio e questa è una strategia vincente, valutiamo tutte le opzioni critiche ma Napoli-Arsenal non ci preoccupa molto, abbiamo due checkpoint dove tutti i tifosi ospiti possono concentrarsi ed essere accompagnati in piena sicurezza". Così il Questore di Napoli Antonio De Iesu ha fatto il punto della situazione sull'ordine pubblico in vista di Napoli-Arsenal nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" in onda su Radio Marte.

"Hoolingans? Non abbiamo ricevuto particolari criticità o allarmi, c’è un flusso informativo reciproco con i poliziotti inglesi. Nelle altre partite non ci sono state particolari criticità, siamo attenti ma fiduciosi. Fortunatamente gran parte delle volte riusciamo a prevenire".

"Gli striscioni? Non c’è particolare enfasi su questa cosa ma la Digos sta lavorando per cercare di capire il gruppo di tifoseria che li ha messi ma non siamo allarmati", ha concluso il Questore De Iesu.

Guarda lo sport live e on-demand su DAZN
Comincia il tuo mese GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Tragedia a Mergellina, 22enne si lancia dal settimo piano: muore sul colpo

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

Torna su
NapoliToday è in caricamento