Il Napoli dice addio all'Europa League: l'Arsenal vince al San Paolo

Azzurri volenterosi ma non basta per l'impresa. Ancelotti: “In queste partite gli episodi ti devono dare una mano”

Foto Ansa

Un Napoli volenteroso non è bastato a compiere l'impresa contro l'Arsenal, vittorioso per 1-0 al San Paolo. Gli uomini di Ancelotti hanno provato subito a mettere pressione agli inglesi con un grande contropiede di Koulibaly che ha lanciato Callejon, che però si è fatto parare il tiro. Altra occasione per Milik che segna ma viene fermato da un fuorigioco dubbio. Poi un fallo ai 25 metri su cui si presenta Lacazette che trafigge un Meret balbettante.

A questo punto la qualificazione è praticamente andata. Gli azzurri provano d'orgoglio a provare a riaprirla ma non arriva nessuno dei quattro gol che servirebbero. Ci va vicino Milik di testa ma per il resto solo tanta pressione e nessuna occasione limpida. Addirittura Meret evita anche il raddoppio degli inglesi.

Le parole di Ancelotti 

"La partita è durata 30 minuti. Fino a quel momento abbiamo avuto due opportunità. In questo tipo di partite hai bisogno che questi episodi ti vadano bene. Poi dopo che prendi gol è normale abbattersi. Abbiamo perso un po' di lucidità, siamo più lenti, più prevedibili e siamo meno profondi. Insigne era dispiaciuto per la situazione. I giocatori ci credevano molto per l'andamento per la gara. C'è da guardare avanti e pensare a essere migliori nel prossimo anno. Abbiamo perso un pochino di ordine, lucidità, non siamo riusciti a giocare ai livelli in cui siamo riusciti a giocare contro Liverpool e Psg. L'impostazione era più o meno la stessa. In questo tipo di partite gli episodi ti devono dare una mano.

La differenza tra il nostro calcio e quello degli altri campionati è il fatturato. Il fatto che la Juventus sia uscita è un caso. Per noi è diverso perché non possiamo fare il passo più lungo della gamba. Abbiamo un gruppo di giovani che frutterà. Adesso partiranno le critiche nei miei confronti ma è normale". 

Le parole di Dries Mertens 

"Nei primi dieci minuti abbiamo avuto due occasioni e non siamo riusciti a segnare. Poi abbiamo preso gol ma abbiamo continuato a provarci. Anche negli spogliatoi abbiamo detto di provarci perché non era più forte di noi. Abbiamo sbagliato all'andata. Mettiamo i piedi a terra e andiamo avanti anche i tifosi spero non ci dicano qualcosa di brutto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di Faouzi Goulham 

"Insigne c'è rimasto male perché è stato fischiato dai tifosi. Adesso è il momento di stare tutti uniti. Questo è stato il primo anno di Ancelotti e possiamo dire che è un anno di transizione",

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Lite in strada a Napoli in pieno giorno: morto un uomo

Torna su
NapoliToday è in caricamento