Stadio San Paolo, firmata la convenzione: "Il Museo del Napoli si farà"

De Laurentiis a Palazzo San Giacomo sigla l'accordo che regolerà i rapporti tra il Comune ed il club partenopeo

La firma della convenzione a Palazzo San Giacomo

La fumata bianca c'è. Dopo anni di discussioni, colpi di scena e polemiche, oggi è finalmente arrivata la firma sulla convenzione per lo Stadio San Paolo che regolerà i rapporti tra il Comune di Napoli ed il Napoli calcio, il cui testo era stato approvato lo scorso luglio in Consiglio Comunale

L'accordo per la concessione d’uso dell'impianto di Fuorigrotta ha una durata di cinque anni, rinnovabili per ulteriori cinque.  

Alla presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, dinanzi al Segretario Generale del Comune Patrizia Magnoni e del Direttore generale Attilio Auricchio, hanno firmato la convenzione il Presidente della SSC Napoli Aurelio De Laurentiis e la dirigente del Servizio comunale Grandi Impianti Sportivi Gerarda Vaccaro, assistiti dagli avvocati dell'Amministrazione comunale e della Società Antonio Andreottola, Arturo Testa e Valentina Comello.

Erano presenti per il Comune di Napoli anche l’Assessore allo sport Ciro Borriello e il Presidente della Commissione consiliare sport Carmine Sgambati e per la società azzurra il vice presidente Edoardo De Laurentiis, l'amministratore delegato Andrea Chiavelli e l'head of operation Alessandro Formisano.

Grande soddisfazione per l’intesa raggiunta è stata espressa dai vertici del Comune e del Napoli, che hanno sottolineato l’importante e proficuo lavoro svolto soprattutto negli ultimi anni per giungere alla sigla della convenzione. 

De Laurentiis

"Il Museo del Napoli si farà - ha annunciato Aurelio De Laurentiis parlando con la stampa all'esterno di Palazzo San Giacomo - . Lo stadio è della città. Quando ce lo vorranno vendere ad 1 euro simbolico, noi ce ne faremo carico. Il problema è che se lo stadio fosse nostro, dovremmo combattere con tanti sovrintendenti, che direbbero 'questo non si può fare' e ci farebbero passare la voglia di stare a Napoli".

Auricchio

"Il Presidente De Laurentiis è apparso oggi voglioso di condividere questo rapporto e noi siamo a disposizione per accompagnare eventuali soluzioni. Quello di oggi è stato il suggello ad un lavoro condiviso da mesi. Ora si può guardare al futuro e pensare, ad esempio, al museo della squadra a cui la città tiene, come ha ricordato anche il Sindaco oggi. Questo, in ogni caso, è un argomento che sicuramente sarà oggetto di approfondimento nei prossimi giorni e nei prossimi mesi. Rimozione della pista d'atletica? Si tratta di un intervento strutturale, quindi al momento parliamo di fantasia. Per affrontare l'argomento dal punto di vista tecnico, c'è bisogno di un progetto. Il quartiere e l'impianto hanno una pista d'atletica tra le più avanzate d'Europa e devono continuare ad averla. Se la società avrà soluzioni alternative da proporre, le valuteremo", ha spiegato il Direttore Generale del Comune di Napoli Attilio Auricchio ai cronisti presenti all'esterno di Palazzo San Giacomo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento