De Laurentiis salda i debiti col Comune: via libera alla convenzione per il San Paolo

Si avvicina la parola fine ad una querelle durata diversi anni a proposito dell'uso dello stadio di Fuorigrotta. La data della ratifica verrà decisa nelle prossime ore

Aurelio De Laurentiis

La firma sulla nuova convenzione tra Comune e Ssc Napoli per l'utilizzo dello stadio San Paolo pare essere ormai alle porte. A sugellare la fine (o quasi) di una querelle oramai pluriennale è stato il pagamento da parte del club di Aurelio De Laurentiis dei debiti pregressi con Palazzo San Giacomo.

Secondo quanto raccolto dalla redazione di Radio Punto Nuovo, nella giornata di ieri il presidente del Napoli ha versato 4.2 milioni di euro al Comune di Napoli per saldare i debiti accumulati negli ultimi anni, dovuti alll'uso dello stadio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cifra, unita alla compensazione dovuta all'installazione dei tornelli da parte della Società Sportiva Calcio Napoli (2.4 milioni di euro), permette finalmente di giungere alla firma della convenzione, la cui data di ratifica dovrebbe essere stabilita nelle prossime ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento