Ammutinamento Napoli, in arrivo la decisione di De Laurentiis

Il patron pare possa usare il pugno duro, multando i giocatori e impugnando i contratti sui diritti d'immagine

A Los Angeles, De Laurentiis sta mettendo a punto la sua strategia per punire i calciatori cui si deve il cosiddetto “ammutinamento” dei giorni scorsi. Secondo quanto riportato dal Roma, la ferma volontà del presidente del Napoli è far pagare loro le conseguenze di quanto accaduto.

Dovrebbe tornare in Italia venerdì prossimo, per poi attendere la partita col milan di sabato e lunedì 25 far partire le contestazioni agli elementi in rosa. Non è escluso che i calciatori si affidino ad un legale o ad un rappresentante sindacale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il quotidiano di via Chiatamone De Laurentiis potrebbe infliggere una multa del valore tra il 5 ed il 25 percento di una mensilità, decisione su cui però il Collegio Arbitrale deve dare il suo parere perché possa essere messa in atto. Inoltre, è possibile il patron si rifaccia ad un presunto danno d’immagine causato al Napoli, annullando in questa stagione gli introiti sui diritti d’immagine per i calciatori. Provvedimento che naturalmente andrebbe a colpire soprattutto i giocatori più in vista, quindi proprio quei “senatori” che dovrebbero essere stati i leader della rivolta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

Torna su
NapoliToday è in caricamento