Scrissero “Napoli colera” e “Lavali col fuoco” al Bentegodi: daspo per 5 tifosi veronesi

Il provvedimento è stato preso per 5 giovani tra i 21 ed i 29 anni, che si resero protagonisti dell'episodio alla vigilia di Chievo-Napoli a febbraio

Tifosi veronesi

Pagheranno a caro prezzo le offese che hanno rivolto ai napoletani ed al capoluogo partenopeo: cinque ultras veronesi sono stati sottoposti a Daspo. Il provvedimento si deve ad alcune scritte apparse all'esterno del Bentegodi poco prima della partita Chievo-Napoli dello scorso 19 febbraio. "Napoli colera"e "Lavali col fuoco", al tempo subito ricoperte dalle forze dell'ordine.

Si tratta di cinque persone che vengono definite “gravitanti nella Curva Sud dell’Hellas Verona”, uno residente nel capoluogo scaligero e gli altri in provincia, di età compresa tra i 21 e i 29 anni. Tre di loro hanno precedenti specifici per aver preso parte a episodi di violenza in occasione di partite disputate dall’Hellas Verona, ed uno di loro era già colpito da un Daspo per i disordini precedenti a Frosinone-Verona del 29 novembre 2015.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Mare agitato e vento forte, nave da crociera finisce contro la banchina

  • Cronaca

    Agguato ai Quartieri Spagnoli: gambizzato un uomo

  • Cronaca

    Problemi allo Stir di Giugliano: tanti comuni in difficoltà per la raccolta rifiuti nel napoletano

  • Cronaca

    "Cedimento di una saldatura": il responso dell'Anas sul cartello crollato lungo l'Asse Mediano

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 24 al 28 settembre 2018

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 24 al 28 settembre 2018

  • Trova borsello con 13mila euro e lo riconsegna: "Nemmeno un caffè pagato"

  • L'Oroscopo di Franko Angelone: settimana dal 24 al 30 settembre

  • Sposo scappa con i soldi delle buste: rissa al banchetto

  • "Di dove sei?". Poi i giovani vomeresi riducono il 16enne in fin di vita

Torna su
NapoliToday è in caricamento