Napoli-Barcellona, il tifo organizzato della Curva B diserterà lo stadio: i motivi

Eccessivo il prezzo del biglietto fissato a 70 euro per il settore popolare. "Ci sentiamo presi in giro"

Con un volantino i tifosi organizzati della Curva B hanno spiegato il motivo per il quale diserteranno lo stadio in occasione dell'andata degli ottavi di finale tra Napoli e Barcellona in programma martedì 25 febbraio al San Paolo. "Il prezzo del biglietto fissato a 70 euro è una punizione, ci sentiamo presi in giro". Di seguito il testo del comunicato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il settore popolare è l'unico luogo di aggregazione trasversale rimasto in piedi in un calcio ormai si prospetta per soli ricchi, in cui quei 90 minuti ci rendono tutti uguali indipendentemente dal reddito, dove non importa chi sia l'avversario e quale sia la classifica. Ci sentiamo presi in giro come ultras, come padri per chi lo è, come popolo. Dopo innumerevoli dimostrazioni che la curva è il dodicesimo uomo in campo ecco arrivare la punizione: Napoli-Barcellona 70 euro. Ancora una volta una mancanza di sensibilità enorme della società nei confronti di questa città che ripagheremo con la nostra assenza. Liberi di tifare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento