Mondiali 2018, il Napoli incassa un milione e mezzo dalla FIFA

Si tratta del programma Club Benefits, che prevede contributi a tutte le società i cui tesserati sono stati impegnati nel Mondiale 2018 in Russia

(Mertens dopo il gol a Panama nei Mondiali 2018 / foto Ansa)

La FIFA ha svelato le cifre del programma Club Benefits, che prevede contributi alle società calcistiche i cui tesserati hanno partecipato all'ultimo Mondiale in Russia. L'associazione mondiale ha erogato 209 milioni di dollari a 416 club: al primo posto figura il Manchester City, a cui spettano 4,3 milioni per i giocatori forniti alle diverse selezioni nazionali impegnati nel Mondiale. Al Napoli andranno 1,5 milioni di euro per i cinque calciatori impegnati (Mertens [Belgio], Zielinski e Milik  [Polonia], Mario Rui [Portogallo] e Koulibaly [Senegal]).

"Molte squadre avranno benefici da questo programma, che contribuirà a sviluppare il calcio nel mondo", ha commentato il Presidente della FIFA Gianni Infantino. 

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale in via Diocleziano: un morto e tre feriti

  • Politica

    Europee 2019, Meloni: "Napoli non è solo Gomorra. Saviano ha sputtanato la città e se ne è andato"

  • Meteo

    Allerta Meteo della Protezione Civile: temporali, vento forte e fulmini su tutta la Campania

  • Cronaca

    Messaggi e pupazzi per Noemi davanti al Santobono: "Un muro per non dimenticare quanto accaduto"

I più letti della settimana

  • Tina Colombo non è più incinta: "Purtroppo ho perso il bambino"

  • SuperEnalotto, doppia vincita in provincia di Napoli

  • Piogge e temporali su Napoli e Campania: scatta l'allerta meteo della Protezione Civile

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 20 al 24 maggio

  • Bere acqua e limone appena svegli fa davvero bene o è un falso mito?

  • Si lancia dal ponte della tangenziale e muore a piazza Ottocalli

Torna su
NapoliToday è in caricamento