Napoli, il Celta resiste per Lobotka e per il centrocampo spunta Henrique

Il club spagnolo non sembra intenzionato ad abbassare di troppo le sue pretese per lo slovacco, mentre spunta il nome del brasiliano per la mediana azzurra

Lobotka (foto Ansa)

Quello di Stanislav Lobotka, come accade da molte sessioni di mercato a questa parte, resta sempre un nome caldo per il Napoli. Il centrocampista slovacco, con il cambio di modulo operato da Gattuso, farebbe molto comodo alla mediana azzurra.

Dalla Spagna, però, Marca riferisce dell'intenzione del Celta a tenere sul prezzo del giocatore, che ha una clausola rescissoria da circa 50 milioni di euro. Secondo il quotidiano iberico il club di Vigo, che naviga in piena zona retrocessione, non è intenzionato a privarsi di uno dei suoi gioielli a gennaio per una cifra tra i 20 e i 25 milioni di euro, quella preventivata dai partenopei e dal Milan

Intanto per il centrocampo è spuntato fuori un altro nome in chiave Napoli. Si tratta - secondo TodoFichajes - del 22enne brasiliano Matheus Henrique, per il quale però il Gremio sembra intenzionato a chiedere 40 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

Torna su
NapoliToday è in caricamento