Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Napoli capitale del Judo: presentata la prima edizione della Napoli's Cup

L'evento vedrà protagonista anche una delegazione sportiva proveniente dalla Lettonia

 

Napoli sempre più protagonista della galassia sportiva internazionale. A catapultare la città partenopea al centro del mondo, questa volta, è la prima edizione della Napoli’s Cup (patrocinata da Coni e Fijlkam): presentata questa mattina al Gambrinus in un evento con tanti ospiti illustri, moderato dal giornalista Diego Scarpitti.

Nel segno del Judo, in particolare, Napoli e la sua periferia vedono accorciarsi le distanze con la lettone Riga da dove arriva la Judo Kyodai: la squadra che sarà "avversaria" della rappresentativa Judo Napoli sul tatami del PalaVesuvio. L'appuntamento è fissato per il 27 novembre alle ore 19 ed arriva dopo gli allenamenti congiunti di ieri alla Star Judo Club di Scampia, casa della famiglia Maddaloni. In programma, inoltre, senpre il 27 novembre, anche una doppia seduta alla Nippon Club: ore 15.30 con i cadetti e ore 18 con i ragazzi.

"La sfida tra Napoli e Riga è solo il pretesto per un messaggio forte: dedicare tempo ai giovani e passargli le tue esperienze. Mi auguro che ci siano anche altri eventi in questa città, la mia città. Spero che sempre più giovani si possano avvicinare allo sport e ai suoi lavori", ha detto l'oro olimpico a Sidney, Pino Maddaloni.

"Per una città migliore dobbiamo partire dalla periferia", ha detto invece Gianni Maddaloni. "Lo sport - ha continuato - è importante per la crescita dei nostri ragazzi, soprattutto quelli delle periferie. Lo sport include, forma e evita cattive amicizie. Quando si parla di legalità, parliamo di squadra, di famiglia. Quando non c'è la famiglia ci siamo noi, le associazioni con lo sport. Spesso lo Stato è assente e allora lo invito ad essere più vicino a Napoli e al Sud".

Alla conferenza stampa di presentazione della manifestazione sono intervenuti anche: i fratelli Raffaele e Massimo Parlati (tecnico del team napoletano), Giuseppe e Luca Marmo e la delegazione lettone.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento