Acquachiara in piena emergenza pareggia con i muri antichi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Non smette mai di riservare emozioni la Carpisa Yamamay Acquachiara che, nell’incontro valevole per la tredicesima giornata di campionato di serie A2 girone Sud, pareggia 6-6 contro la Copral Muri Antichi Catania e guadagna un punto prezioso in classifica che le consente di aumentare a dodici le lunghezze di vantaggio sulla zona playout. Il risultato può prestarsi ad una duplice lettura in casa partenopea. La squadra ha saputo ovviare alle diverse assenze di giocatori cardine facendo forza sulla coesione del gruppo e sulla voglia di portare a casa il quarto risultato utile consecutivo. Permane un pizzico di amarezza per una gara condotta con pieno merito per tre quarti e che avrebbe potuto regalare un successo che avrebbe potuto mettere una seria ipoteca sul traguardo stagionale. A decidere le sorti del confronto la rete siglata dal giovanissimo De Gregorio, terzo pesantissimo centro per il giovane attaccante, che a poco più di tre minuti dal termine, mentre stanno per scadere i venti secondi in superiorità numerica, lascia partire una gran botta sul primo palo che non concede scampo al portiere ospite. Le assenze per motivi di salute di Manuel Rossa, Julien Lanfranco e Luca Pasca, prossimo alla guarigione l’attaccante titolare della calottina numero cinque, hanno costretto Occhiello a schierare nei tredici il suo vice Alberto Petrucci la cui esperienza si è rivelata fondamentale nel finale di gara. Capitan Tozzi e compagni hanno saputo tirare fuori un’ulteriore dose di orgoglio quando la doppia espulsione comminata dagli arbitri a Iula e Manuel Occhiello, autore di una prova lusinghiera nella quale ha coniugato un eccellente lavoro in fase difensiva alla realizzazioni di due reti di ottima fattura, ha ridotto all’osso le rotazioni e aumentato notevolmente la stanchezza degli elementi in acqua costringendoli ad un superlavoro, condizioni che hanno propiziato la rimonta dei siciliani tra le cui fila si è messo in evidenza un ottimo Gluhaic, autore di tre gol. Da elogiare la prova di Ciro Alvino, portiere che dopo diverse stagioni nelle categorie inferiori, sostituisce in maniera egregia il titolare del ruolo producendosi in una prestazione nella quale commette una sola incertezza ma mette a referto una serie di interventi determinanti. Sicuramente migliorabile la finalizzazione della notevole mole di gioco creata ma diventa ora prioritario cercare di recuperare i diversi infortunati in vista del finale di stagione. Foto di copertina: Roberto Polverino

Torna su
NapoliToday è in caricamento