Pizza al Coronavirus: il video di Canal + scatena il contagio delle polemiche anche a Napoli

Indignazione bipartisan per il video dell'emittente francese Canal + che mostra un pizzaiolo italiano che tossisce e sputa su una pizza

Durante una trasmissione satirica dell'emittente francese a pagamento Canal + è andato in onda un breve video in francese dal significato inequivocabile: siamo noi italiani a spargere il coronavirus.

Il filmato, che in Italia è stato rilanciato dalla pagina Fb ufficiale di Giorgia Meloni con il commento "Video "satirico" disgustoso",mostra un pizzaiolo macilento e febbricitante che tossisce e alla fine sputa (!) sul prodotto alimentare più noto nel mondo dell'Italia in generale e di Napoli in particole: la pizza.

Dopo la messa in onda le polemiche non si sono fatte attendere e in un lampo hanno inondato pagine web e social.

Sulla questione sono intervenuti semplici cittadini, politici di ogni livello e appartenenza e autorità.

Il video

Alfonso Pecoraro Scanio, ex Ministro delle politiche agricole e promotore del riconoscimento dell’arte del pizzaiuolo napoletano Patrimonio Unesco  è sconcertato da quanto trasmesso da Canal+ emittente francese.

"È un attacco ignobile e immorale, non credevo che l'apprezzamento dei francesi e del Presidente in persona, dopo il riconoscimento dell’arte del pizzaiuolo napoletano Patrimonio Unesco, si tramutasse in un atteggiamento volgare in un momento di difficoltà, che ricordiamo, non è solo dell'Italia ma dell'Europa intera.
Ai tanti francesi  amici dell' Italia che non hanno nulla a che vedere con questo gesto, ricordo  che  hanno uno strumento a disposizione : la possibilità di disdire l'abbonamento a Canal+, che è una rete privata di proprietà del Gruppo Vivendi".

"Esigiamo le scuse immediate della Francia per il vergognoso video trasmesso da Canal + in cui si ironizza in maniera volgare sull’igiene italiana e la salubrità della pizza napoletana - scrive in un comunicato, tra i primi nella nostra città, il consigliere regionale Armando Cesaro - igiene e cucina sono argomenti su cui noi italiani non prendiamo lezioni da nessuno, tantomeno dai francesi..., invierò oggi stesso una nota di protesta all’ambasciata francese a Roma e in copia al console francese di stanza a Napoli”, incalza Cesaro. “e contestualmente lo inviterò a mangiare una pizza, mio ospite, e a dare ai suoi connazionali una corretta informazione sulla nostra città, su nostro patrimonio enogastronomico e culinario e sulla nostra pulizia e accoglienza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo il ministro degli esteri Di Maio ha definito il video "di dubbio gusto e inaccettabile" e "profondamente irrispettoso" annunciando di aver attivato l'ambasciata italiana a Parigi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento