Teatro San Carlo: tutte le novità della stagione 2020/2021

Il nuovo sovrintendente Stephen Lissner presenta il "suo" San Carlo

La stagione 2020-2021 del Teatro San Carlo di Napoli, presentata oggi dal nuovo sovrintendente, Stephen Lissner, che dallo scorso aprile ha raccolto il testimone da Rosanna Purchia, è sicuramente destinata a lasciare il segno: non solo per gli interpreti che si succederanno sul palco - tra i migliori della scena internazionale - per la levatura dei registi e per la qualità del cartellone, ma anche per l'impiego delle tecnologie digitali con lo scopo di rendere fruibile a 360° l'immenso patrimonio culturale del teatro più antico d'Europa.  "Dopo la tragedia determinata dall'epidemia di Covid è ancora più evidente che un teatro pubblico come il San Carlo ha una missione che non è solo culturale, ma anche sociale - ha spiegato Lissner al nostro microfono -  Per questo ho lavorato con l'Università Federico II e con il Prof. Nicolais, ex ministro per l'Innovazione, per mettere in campo una piattaforma digitale e rendere il San Carlo produttore di se stesso, degli spettacoli come delle conferenze e di qualsiasi altra iniziativa, e avvicinare tutti quelli che per qualsiasi motivo non possono, a Napoli come all'estero, si tratti di studenti come di appassionati. Un progetto molto ambizioso, reso possibile dal sostegno della Regione Campania".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In attesa che il sipario del San Carlo possa rialzarsi il prossimo 4 dicembre 2020, dopo il lungo stop imposto dall'emergenza sanitaria, l'ultima settimana di luglio, la grande musica del Massimo napoletano risuonerà in Piazza del Plebiscito, per l'occasione trasformata in spettacolare arena. Causa disposizioni anti-contagio, i posti disponibili saranno poco meno di un migliaio. In locandina “Tosca”, con la coppia Anna Netrebko e Yusif Eyvazov ; “Aida” con interpreti Anna Pirozzi e Jonas Kaufmann; la Nona di Beethoven diretta da Juraj Valcuha che, come segno di speranza dopo i giorni bui del lockdown, sarà conclusa dall'Inno alla gioia. 

"Nei prossimi giorni sarà presentato il progetto della Regione Campania per il San Carlo, che impegna 5 milioni di euro e prevede una serie di iniziative di grande qualità concentrate a Napoli ma anche in tutti i territori della Campania per questa estate" ha scritto il Governatore Vincenzo De Luca in una nota inviata a Lissner, con cui spiegava di non poter essere presente a causa del lutto che aveva colpito uno dei sindaci campani alla conferenza di presentazione della stagione.  

Presente invece il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che, tra l'altro, ha annunciato che nei prossimi giorni sarà siglata un'intesa con il Teatro San Carlo a tutela del Corpo di Ballo  "per evitare la precarizzazione".

Il cartellone

Il cartellone della stagione 2020/2021 comprende 12 titoli d’opera, di cui 7 italiani, 5 di balletto, 17 concerti e i migliori interpreti, alcuni dei quali mai stati nella nostra città. Debutteranno sul podio del San Carlo, infatti, direttori come Dan Ettinger, Marco Armiliato, Riccardo Frizza, Carlo Montanaro, Karl Chichon e a firmare la regia ci saranno tra gli altri Damiano Michieletto, Yoshi Oïda, Ferzan Ozpetek. Ad inaugurare il Massimo sarà la Bohème di Giacomo Puccini per la regia di Emma Dante

L'opera 

Dopo la Boheme, dal 16 gennaio 2021 il ritorno del Rigoletto di Giuseppe Verdi, con la regia di Giancarlo Cobelli, produzione sancarliana. La direzione è affidata a Stefano Ranzani. A febbraio Riccardo Muti dirigerà il Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart. Firma la regia Chiara Muti che chiude così il lavoro sulla trilogia Mozart-Da Ponte iniziato nel 2016 con Le nozze di Figaro e proseguito con Così fan tutte nel 2018. Ad interpretare il ruolo di Don Giovanni Luca Michieletti, per la prima volta al San Carlo. Dal 13 al 26 marzo sarà la volta di un titolo rossiniano, Il Turco in Italia con la regia di Antonio Calenda, sul podio Carlo Montanaro e Julie Fuchs nel ruolo di Fiorilla. Il titolo giovanile di Rossini ritorna in scena dopo l’ultima ripresa nel 2004 che era stata accolta con grande consenso. Richard Strauss torna in cartellone dall’11 al 20 aprile 2021 con Salomè per la regia di Manfred Schweigkofler, allestimento andato in scena nel 2014 e ora affidato alla direzione musicale di Juraj Valčuha. Ad interpretare il ruolo della protagonista sarà Vida Miknevičiūtė al suo debutto al San Carlo. Due le produzioni di successo firmate Ferzan Ozpetek che nuovamente rivivranno sul palcoscenico del Massimo: Madama Butterfly di Giacomo Puccini (dal 30 aprile al 13 maggio) per la direzione di Dan Ettinger con Anna Pirozzi a dare la voce a Cio-cio San e La traviata di Giuseppe Verdi che vedrà sul podio Karel Mark Chichon. Nel cast Aylyn Pérez e Jessica Pratt si alterneranno nel ruolo di Violetta mentre George Gagnidze sarà Giorgio Germont. Un debutto molto atteso è quello del mezzosoprano lettone Elīna Garanča, per la prima volta al Lirico di Napoli, nei panni di Carmen. Il capolavoro di Georges Bizet sarà in scena dal 20 al 26 giugno con la direzione di Dan Ettinger, l’allestimento è di Daniele Finzi Pasca. Dal 23 al 31 luglio sarà in scena L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti firmato Damiano Michieletto. Sul podio ci sarà Riccardo Frizza. Rosa Feola sarà Adina e Xavier Anduaga Nemorino. Dal 12 al 25 settembre ancora un titolo di Bizet a settembre un’opera giovanile, Les pêcheurs de perles, vero manifesto di esotismo, per la direzione di Marco Armiliato, regia del giapponese Yoshi Oïda, Lawrence Brownlee nel ruolo di Nadir. Infine, a chiudere la Stagione dal 14 al 24 ottobre 2021 My Fair Lady di Frederick Loewe. Di nuovo sul podio dunque per questa coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo Donato Renzetti, la regia è di Paul Curran,

I Concerti

La Stagione dei concerti si aprirà il 18 dicembre con il Concerto di Natale diretto da Juraj Valčuha. A seguire il direttore musicale sarà impegnato a dirigere il Requiem per soli, coro e orchestra, Op. 89 (B. 165) di Antonín Dvořák, in calendario l’8 gennaio 2021. Voci soliste il soprano Carmen Giannattasio, Gerhild Romberger (contralto) Maximilian Schimitt (tenore) e Alexander Vinogradov (Basso). Importante presenza in cartellone quella di Evgenij Kissin, uno tra i più grandi pianisti del nostro tempo, che eseguirà il Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra, S. 124 di Franz Liszt. In programma anche l’Ouverture da Der Freischutz, J. 277 di Carl Maria von Weber, e la Sinfonia n. 1 in do minore, Op. 68 di Johannes Brahms che vedrà impegnata l’Orchestra del San Carlo sotto la bacchetta di Radu Paponiu. Gabriele Ferro, da sempre legato a Napoli e al San Carlo, torna il 20 marzo 2021 con un programma che include autori come Hector Berlioz (Il carnevale romano, Op. 9, Ouverture caratteristica, in la maggiore, per orchestra, La mort de Cléopâtre, H 36) e Maurice Ravel (Ma mère l’oye - Cinq pièces enfantines - Daphnis et Chloé, Suite per orchestra n. 2). Il 31 marzo il direttore israeliano Dan Ettinger, per la prima volta al San Carlo, dirigerà il diciottenne pianista russo Alexander Malofeev nel Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in fa di Sergej Rachmaninov. Chiude il programma la splendida Sinfonia n. 4 in fa minore, op. 36 di Pëtr Il'ič Čajkovskij. Spazio al Barocco (il 6 aprile) con sir John Eliot Gardiner, direttore d’orchestra inglese, celebre per le sue letture filologiche del repertorio antico su strumenti d’epoca, che dirigerà Monteverdi Choir e English Baroque Soloists. Non manca un Gala Belcanto con Jessica Pratt che eseguirà celebri arie tratte da opere di Bellini e Donizetti sotto la direzione di Piergiorgio Morandi. Riccardo Muti torna il 9 maggio 2021 con i Wiener Philharmoniker di nuovo al Massimo napoletano dove si sono esibiti per l’ultima volta nel 2003. Domenica 16 maggio protagoniste la violinista Sarah Chang e sul podio Lera Auerbach direttrice d’orchestra russa. In locandina il Concerto in re maggiore per violino e orchestra, Op. 77 di Johannes Brahms, e due brani di Haydn, l’Ouverture da L’Isola disabitata e la Sinfonia n. 49 in fa minore "La Passione", Hob:I: 49 Recital pianistico il 24 maggio con al pianoforte Denis Matsuev che eseguirà musiche di Pëtr Il'ič Čajkovskij Sergej Rachmaninov e Sergej Prokof'ev. Ancora, il violinista Renaud Capuçon e il pianista Guillaume Bellom in locandina il 6 giugno con un programma che contempla Gabriel Fauré, Camille Saint-Saëns e César Franck. Tre grandi tenori di oggi, Francesco Meli, Javier Camarena e Francesco Demuro renderanno omaggio a Enrico Caruso in occasione dei 100 anni dalla morte in uno speciale Gala dedicato all’indimenticabile artista napoletano sotto la direzione di Marco Armiliato (19 settembre) Il San Carlo avrà il piacere di accogliere per la prima volta Elïna Garanča il 3 ottobre 2021 in un gala con la direzione del britannico Karel Mark Chichon. Infine in chiusura di Stagione, il 6 novembre 2021, un appuntamento di grande rilevanza con Neeme Järvi. Daniel Barenboim e la West-Eastern Divan Orchestra Un progetto di residenza musicale, realizzato grazie al sostegno della Regione Campania, vedrà protagonisti Daniel Barenboim e la West-Eastern Divan Orchestra. Fondata nel 1999 dal direttore d’orchestra israeliano Daniel Barenboim e dallo scrittore e docente palestinese Edward W. Said con l’intento di promuovere il dialogo interculturale attraverso la Musica, la West-Eastern Divan Orchestra riunisce, in parti eguali, giovani musicisti israeliani ed arabi, provenienti da Turchia, Iran e Spagna. La formazione si riunisce ogni estate per un periodo di Prove ed una successiva tournée internazionale che ha già fatto tappa sui palcoscenici più prestigiosi del Mondo. Dal 20 al 30 Luglio 2021 Daniel Barenboim e la West-Eastern Divan Orchestra saranno impegnati in Concerti Sinfonici e da Camera, Prove Aperte e Dibattiti che avranno luogo al Teatro di San Carlo e nei siti di maggiore interesse storico-artistico e di vocazione turistica della Regione Campania.

Il potenziamento della Stagione Sinfonica - spiega una nota del teatro -  è reso anche grazie a Concerto d’Imprese, progetto - arrivato al suo secondo anno di vita - sostenuto da un gruppo di eccellenze imprenditoriali del territorio campano (Ambrogio Prezioso per Aedifica / Brin 69 Srl | Gruppi Prezioso e Di Luggo, Fulvio Scannapieco e Vittorio Genna per ALA Advanced Logistics for Aerospace, Lorenzo Matacena per Caronte Spa, Carlo e Michele Pontecorvo per Ferrarelle Spa, Simone e Andrea Finamore per SIAP Srl, Philippe Foriel-Destezet per Philippe Foriel-Destezet, Marco Zigon per Getra Spa, Francesco Tavassi per TEMI Spa per GLS, Gianluca Isaia per Isaia Spa, Massimo, Luca e Pietro Moschini per Laminazione Sottile Spa, Costanzo Janotti Pecci per Palazzo Caracciolo Spa, Gianfranco D’Amato per Seda Spa) che hanno unito le forze per implementare interventi di sostegno all’attività del Teatro.

La Danza

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un percorso che alterna tradizione e scenari contemporanei, articolato in 5 titoli, per una Compagnia come quella del Teatro San Carlo, guidata da Giuseppe Picone.  La Stagione di Danza 2020/21 parte da due classici imprescindibili Lo Schiaccianoci e Cenerentola (entrambi con coreografie di Picone). Dal 22 al 29 maggio andrà in scena il Requiem di Mozart, applaudita coreografia di Boris Eifman, spettacolo totale che vede coinvolti oltre alla Compagnia di Balletto del Massimo anche Orchestra e Coro (Voci soliste il soprano Selene Zanetti, il Mezzosoprano Marianna Pizzolato, Antonio Poli (tenore) e Mirco Palazzi (basso), la direzione è di Alvetina Ioffe. Il 30 luglio sarà la volta di Come un respiro/Bolero, su musiche di Handel con Svetlana Zakharova come étoile ospite. Una speciale Balanchine night è infine in programma dal 30 ottobre al 3 novembre 2021. Tre pezzi firmati dal celebre coreografo russo interpretati da Tyler Peck, Maia Makhateli, e Vadim Muntagirov.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

Torna su
NapoliToday è in caricamento