← Tutte le segnalazioni

Altro

Istruzione non formale: a rischio gli esami finali dei corsi e tutte le attività corsuali

Corso Umberto I, 35 · Porto

Napoli - La Conferenza delle Regioni hanno dettato le “Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive” e tra esse quella della . Formazione Professionale” Il presidente della Federazione Nazionale degli Enti di istruzione, dott. Luca Paladino, evidenzia che le schede contengono indirizzi operativi specifici per i singoli settori di attività, finalizzati a fornire uno strumento sintetico ed immediato di applicazione delle misure di prevenzione e contenimento di carattere generale, per sostenere un modello di ripresa delle attività economiche e produttive, compatibile con la tutela della salute di utenti e dei lavoratori. Il presidente evidenzia che la scheda che afferisce alla “Formazione Professionale” riporta indicazioni delle attività formative da realizzare nei diversi contesti (aula, laboratori ed imprese) comprese gli esami finali teorico-pratici. Il dott. Paladino sottolinea che vengono indicati i percorsi di istruzione e formazione finalizzati al conseguimento di una qualifica e tutte le altre attività corsuali che rientrano nel sistema educativo regionale, ai percorsi di formazione ed orientamento per il rinserimento lavorativo degli adulti e quelli che afferiscono alla formazione permanente, non includendo in maniera chiara i corsi non ordinamentali. Cinque regioni, tra cui la Regione Lazio, riprendendo la predetta elencazione, con propria Ordinanza hanno stabilito ripresa dell’attività, evidenziato che tra i percorsi, a cui la predetta scheda si riferisce, sono da includersi tutte le “attività corsistica” individuale e collettiva avente modalità di erogazione e fruizione in aula”. Ben chiarendo che le indicazioni relative alla prevenzione e contenimento del Covid 19, afferiscono anche a tutte le attività corsuali di “istruzione non formale” quali, a esempio quelle dei corsi di lingua, informatica, grafica, ecc. gestisti sia da enti pubblici che da privati. Con una lettera aperta al Consiglio dei Ministri la FIDEF, unitamente alla Confederazione CIU Union Quadri, la sede di rappresentanza in Italia dell’ Università di Cambridge e le associazioni di categoria AISLI, AIBSE e del sindacato ConfalScuola sollecitano il Governo a recepire le indicazioni approvate all’unanimità dalla Conferenza delle Regioni, evidenzi alle attività indicate con la scheda “Formazione Professionale” vanno ad applicarsi a tutti i corsi non regolamentati come sopra evidenziati. Corsi che e rientrano nel sistema articolato e coerente del lifelong learning, così come individuato dall’Unione Europea, quale “formazione lungo tutto l’arco della vita”, come ribadito dal Consiglio Europeo di Lisbona e con la “Dichiarazione di Copenhagen”. L’appello evidenzia che, nonostante la chiusura delle scuole di questi mesi, gli studenti hanno continuato i loro percorsi di preparazione agli esami, grazie anche ad un encomiabile supporto dei loro insegnanti. Tale impegno potrebbe ora risultare vano qualora gli studenti non riuscissero a sostenere i loro esami ed ottenere la Cerificazione che aprirà loro le porte del lavoro o alla frequenza di corsi e mastre universitari. Nonostante la chiusura delle scuole di questi mesi, gli studenti hanno continuato i loro percorsi di formazione e di preparazione agli esami, grazie anche ad un encomiabile supporto dei loro insegnanti. Tale impegno potrebbe ora risultare vano qualora gli studenti non riuscissero a sostenere i loro esami. (lp)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento