Quando i napoletani dicono "tirà a sciàveca" (e cos'è)

A Napoli, città di mare, sono numerosi i detti derivati dalle attività di pesca e navigazione

Quando a Napoli si vuole prendere in giro chi non si ammazza di fatica ma, tuttavia, si agita, sbuffa, gesticola per mostrarsi stanco o indaffarato alla gente intorno, si dice "chillo tira 'a sciavèca".

Il termine sciàveca altro non è che la trasposizione in lingua napoletana della parola spagnola jábega, a sua volta derivata dall'arabo ispanico šábk, a sua volta derivato dall'arabo classico šabakah, rete

Sciabica, in italiano, è termine tecnico con cui si indica in particolare la rete usata per la pesca a strascico lungo la riva, in acque poco profonde: generalmente viene calata in acqua da una barca a remi, in modo da formare una specie di semicerchio, con l'apertura rivolta verso riva, per essere poi tirata a terra da pescatori posti ai lati che si avvicinano tra loro, a mano a mano che si accostano a riva.

Chi tira 'a sciàveca, quindi,  è qualcuno che lavora poco o niente ma si sbraccia ed agita e lamenta come se stesse compiendo una fatica immane: uno scansafatiche con la vocazione dell'attore, insomma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, grave lutto per Luisa Amatucci: si è spenta la madre

  • Lutto per l'attore Alessandro Preziosi, è morto il padre Massimo

  • Ancelotti, lo splendido post della figlia Katia: "Napoli è una mamma. Vado via piangendo"

  • Ancelotti rompe il silenzio, il messaggio sui social dopo l'esonero

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Ibra e Torreira i principali obiettivi per gennaio?

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento