Difficoltà nel trovare una toilette pubblica a Napoli? Nasce l'iniziativa "Pipì sospesa"

L'idea lanciata dal programma "La Radiazza": ecco come funziona

Si chiama “Pipì sospesa” l'iniziativa lanciata da "La Radiazza", il programma di Gianni Simioli in onda tutti i giorni su Radio Marte.

L'idea nasce dopo aver raccolto le segnalazioni da parte dei radioascoltatori e aver verificato quanto sia difficile riuscire a trovare una toilette pubblica nella città di Napoli. Un disagio che vede i turisti 'costretti' a richiedere l'utilizzo della toilette nei bar della città. Questa richiesta frequente (essendo Napoli una delle città con più attrattiva turistica in Italia) mette in serie difficoltà i proprietari dei bar che, in alcuni casi, chiedono la consumazione obbligatoria per poter far accedere alla toilette. 

Qui entra in gioco l'iniziativa partita da "La Radiazza" grazie al confronto con gli ascoltatori: la “Pipì sospesa”. Ecco come funziona: qualsiasi persona consumi un caffè nei bar di Napoli e non usufruisce della toilette, comunica al barista che lascia a qualcuno che ne avrà bisogno, la possibilità di usufruirne, anche senza consumare.

Un po' come col caffè sospeso, dove si lascia pagato il caffè a qualcuno che non può permetterselo. In questo caso, si 'dona' la possibilità di poter fare una pipì, regalando anche un sorriso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • Boato in un appartamento, esplode bombola: ferito 30enne

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

Torna su
NapoliToday è in caricamento