"Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

La storia ricostruita da Giulio Caizzi, arguto ed erudito conoscitore di cose napoletane

Cosa c'entrano le matite con i nervi che saltano lo sanno solo i napoletani.

Giulio Caizzi, vasto conoscitore di usi e costumi di Napoli scomparso ormai da tempo, raccontava in un saggio del secolo scorso che le prime matite o "lapis" diffuse all'ombra del Vesuvio avevano un rivestimento di vernice con un disegno fatto di quadrettini talmente piccoli e numerosi da mandare letteralmente in tilt chiunque cercasse di guardarli o contarli, magari per capire quanta matita fosse stata consumata scrivendo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla matita (lapis > lappese) e dai quadrettini (quadriglie) l'espressione "tengo 'e lappese a quadriglie" per dire che si è frastornati o, più esattamente, nervosissimi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento