Palestra distrutta ad inizio anno: il magnifico gesto

Il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, e gli studenti la ripuliranno domattina

Foto dal profilo Facebook del sindaco Ciro Buonajuto

La palestra di una scuola elementare viene vandalizzata alla riapertura dell'anno scolastico e il sindaco si organizza insieme ai giovani della città per rimetterla in funzione. Accade a Ercolano, nell'area metropolitana di Napoli, dove il primo cittadino Ciro Buonajuto domani alle 15 si recherà nell'istituto Rodinò, scuola elementare vicina ai noti scavi archeologici e al Museo Archeologico Virtuale, per ripulire la palestra resa inagibile. 

 "L'obiettivo - spiega Buonajuto - è sensibilizzare la comunità cittadina contro gli atti vandalici e favorire una celere riapertura della palestra recentemente ristrutturata dal Comune di Ercolano. Dalla prossima settimana, infatti, inizieranno i lavori per la sostituzione di vetri, porte ed altri oggetti danneggiati nel corso del raid vandalico". Nel frattempo il sindaco denuncia un altro caso di emergenza sicurezza accaduto nelle aree esterne dell'istituto Iovino-Scotellaro, scuola del centro storico della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le telecamere di videosorveglianza della zona avrebbero documentato come alcuni ragazzi minorenni si siano introdotti nel cuore della notte all`interno della struttura. "Non risulta che siano stati effettuati danneggiamenti, ma abbiamo ritenuto ugualmente opportuno informare di questo episodio le forze dell'ordine - spiega Buonajuto -. La prima forma di controllo, però, deve partire dalle famiglie, altrimenti ogni tipo d'intervento diventa parecchio complicato. Non è possibile che a tarda ora venga consentito a bambini di bivaccare in strada e introdursi in strutture pubbliche".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento