La Regione investe ottanta milioni di euro nelle scuole: 80 gli istituti coinvolti

"Scuola Viva in quartiere" è  il nuovo programma finanziato dalla Regione. In arrivo telecamere di videosorveglianza, laboratori, palestre e spazi ludici

"Scuola Viva in quartiere" è  il nuovo programma finanziato dalla Regione Campania con un investimento di 80 milioni di euro. Sono sette i progetti sostenuti che permetteranno ad altrettante reti di scuole del territorio napoletano di svolgere attività complementari al percorso di studio, ma anche di finanziare interventi per l'edilizia scolastica, l'installazione di telecamere di videosorveglianza e di sperimentare nuovi percorsi educativi rivolti a studenti e a giovani fino a 25 anni.

Programma 

"E' un programma di straordinario valore civile e sociale. Il più vasto che la Campania abbia mai rivolto al mondo della scuola e dell'università, il più importante di quelli varati in Italia. Abbiamo investito decine di milioni per i programmi di Scuola Viva, coinvolgendo per anni oltre 500 istituti scolastici, per il trasporto gratuito garantito a 135mila studenti, per le borse di studio alle famiglie meno abbienti, e oggi parte un altro programma per interventi strutturali negli istituti di Napoli e provincia, con telecamere nelle scuole, laboratori e palestre da ristrutturare, interventi culturali e sulla formazione per creare connessioni con il mondo del lavoro",  ha spiegato in conferenza stampa il governatore Vincenzo De Luca.

Gli interventi

"Scuola Viva in quartiere" prevede l'installazione di telecamere di videosorveglianza in 13 scuole di Scampia, 12 di Soccavo e Pianura e 12 del centro storico di Napoli, aree sportive nell'istituto Pertini di Afragola e in altre 19 scuole di Ponticelli, Barra e San Giovanni a Teduccio, nuovi spazi in 10 scuole di Marano e Giugliano. Saranno in tutto 80 gli istituti interessati da altri interventi di messa in sicurezza , da laboratori e da attività ludiche e didattiche. "Con Scuola Viva finanziamo progetti e laboratori per contrastare la dispersione scolastica, ma spesso quegli istituti a cui ci rivolgiamo non hanno spazi, campetti di calcio e palestre. Abbiamo lavorato insieme ai dirigenti con l'obiettivo di realizzare reti di scuole", ha affermato Lucia Fortini, assessore regionale all'Istruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'OMS anti Coronavirus

  • Coronavirus, positivi altri 7 tamponi: i casi campani potrebbero salire a 11

  • Coronavirus, primo caso a Napoli: 50enne in buone condizioni

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Coronavirus, Il virologo della Federico II: "Prudenza e intelligenza. Non è peste ma superinfluenza"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento