Refezione scolastica sospesa a Chiaia, de Giovanni: "Portate il pasto da casa"

Il presidente della Prima Municipalità: "Non possiamo consentire che si sovvertano le esigenze delle famiglie. In questo modo garantiamo il tempo prolungato"

"La prossima settimana approveremo in Consiglio un atto di indirizzo nei confronti delle scuole della Municipalità, con cui inviteremo i Dirigenti scolastici a favorire la possibilità di portare il pasto da casa. In questo modo sarà garantito il tempo prolungato ed i bambini consumeranno il pasto a scuola, senza interruzioni traumatiche per tutti". Lo rende noto il presidente della Municipalità I Francesco de Giovanni. 

REFEZIONE SCOLASTICA A CHIAIA, L'ASSESSORE: "SCIACALLAGGIO POLITICO"

"D'altra parte", spiega il presidente, "una recente sentenza del Consiglio di Stato statuisce questa possibilità. Non possiamo consentire che si sovvertano le esigenze delle famiglie. E respingo fermamente al mittente le accuse rivolte alla Municipalità per quanto accaduto. I documenti parlano chiaro. C'è una precisa responsabilità della commissione centrale del Comune di Napoli. Ed ora diamo il via al pasto da casa che, probabilmente, inizierà a scardinare questo sistema folle di gestione del servizio di refezione scolastica imposto dal Comune".

Potrebbe interessarti

  • Le tignole: cosa sono e perché è meglio non averle in casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

  • Rosmarino: cosa sapere di questa pianta

I più letti della settimana

  • Dramma per una famiglia napoletana in vacanza: 42enne muore mentre fa il bagno

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in autostrada, motociclista muore decapitato

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

  • Tragedia a Scalea, muore turista napoletano: "Te ne sei andato troppo presto"

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

Torna su
NapoliToday è in caricamento