Dal Canada a Napoli per un'operazione innovativa di sinus pilonidale

Dopo un'operazione andata male negli Stati Uniti la decisione di venire a Napoli, dove esiste un trattamento endoscopico mini-invasivo di questa patologia

Un giovane canadese, affetto da sinus pilonidale (fistola coccigea), dopo intervento chirurgico negli Stati Uniti d'America non andato bene, ha deciso di operarsi a Napoli.

Il ragazzo, dopo l'intervento negli Usa, lamentava medicazioni continue, trovandosi costretto a lasciare il lavoro. Grazie alle pubblicazioni scientifiche, in particolare quelle sulla rivista Jama Surgery, del dottor Marco Milone, che collabora con il team del professor Giovanni Domenico De Palma, direttore del Dipartimento di Gastroenterologia, Endocrinologia e Chirurgia Endoscopica dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, è venuto a conoscenza della moderna tecnica mini-invasiva per il trattamento del sinus pilonidale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel Policlinico Federico II esiste infatti un trattamento endoscopico mini-invasivo di questa patologia che garantisce una rapida ripresa delle normali attività quotidiane e lavorative. Il giovane ora sta bene ed è tornato in Canada dopo aver ringraziato i medici dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento