Un chirurgo oculistico napoletano tra i migliori del Regno Unito

Vincenzo Maurino, primario al Moorfields Eye Hospital di Londra, è stato incluso dal Daily Mail nella sua Good Doctors Guide come uno degli migliori specialisti per l’operazione alla cataratta

Un napoletano è tra i migliori chirurghi oculisti del Regno Unito. Vincenzo Maurino, primario al Moorfields Eye Hospital di Londra, il piu grande ospedale oftalmico d’Europa tra i piú importanti al mondo per la ricerca e per la formazione dei medici in ambito oculistico, è stato infatti incluso dal Daily Mail nella sua Good Doctors Guide come uno degli migliori specialisti del paese per l’operazione alla cataratta.

A nominare Maurino, a Londra dal 1995, sono stati i suoi stessi colleghi, 40 chirurghi oculisti britannici, ai quali gli autori della guida hanno posto una domanda molto diretta “A chi affidereste la persona a voi più cara se dovesse avere bisogno di un’operazione alla cataratta – e perchè?”.

Sono felicissimo e sorpreso ovviamente. Ci sono tanti altri chirurghi bravi che non sono stati menzionati ma io sono l’unico italiano ad essere primario al Moorfields - spiega il Prof. Maurino ai microfoni di LondraItalia.com - . In carriera ho effettuato oltre 30mila interventi e formato più di 100 oculisti provenienti da tutto il mondo”.

Maurino predilige la tecnica laser, non invasiva. Tra le sue specializzazioni, oltre alle operazioni sulla cataratta, la chirurgia laser di correzione difetti della vista e la chirurgia dei trapianti corneali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante sia a Londra da oltre vent’anni, Maurino è rimasto molto legato all’Italia, dove torna regolarmente sia per visitare pazienti privatamente a Napoli che per insegnare. Attualmente è docente di Chirurgia dei Trapianti Corneali presso la scuola di specializzazione in Oculistica della università Tor Vergata di Roma. Ma per lavorare continua a preferire Londra. “Ci sono ottime strutture nel nostro paese, ma nessun centro con le dimensioni e la storia del Moorfields. Tantissimi giovani oculisti italiani hanno fatto e fanno training al Moorfields, al momento ce ne sono quattro solo con me", conclude il chirurgo napoletano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento