Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

Antonio D'Avino, vicepresidente nazionale della Fimp, sottolinea la necessità di evitare cure fai da te

"Un brusco aumento del numero di casi di sindrome simil-influenzale soprattutto nei più piccoli". È quanto si sta verificando in campania secondo i dati di Antonio D'Avino, vicepresidente nazionale della Fimp (Federazione italiana medici pediatri). Il suo è un allarme: "I nostri studi sono sotto pressione come poche volte è successo negli ultimi anni, viaggiamo ad una media di 50 visite al giorno".

E la situazione rischia di peggiorare, con l'intasamento del pronto soccorso del Santobono. I più colpiti infatti sono i bambini al di sotto dei cinque anni, per i quali si osserva un'incidenza pari a 10,7 casi per mille assistiti. "Ci capita, purtroppo, di assistere ad una vera e propria corsa agli antibiotici, che in moltissimi dei casi non servono a nulla. Anzi, si crea solo un danno perché si genera quella che in gergo si chiama antibiotico-resistenza, riducendo nel tempo la possibilità di cura verso molti ceppi di batteri", spiega D'Avino.

Alcuni genitori arrivano addirittura a "prescrivere" in autonomia l'antibiotico, spiega ancora il pediatra, questo utilizzando confezioni che hanno in casa per precedenti terapie. "Comportamenti sconsiderati - dice D'Avino - che vengono adottati spesso sulla scia di quanto letto sul web, o peggio ancora nella convinzione di poter sostituire con qualche sito internet le competenze del pediatra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, bisogna fare attenzione. "Nonostante il super lavoro di queste settimane - dice D'Avino - tutti i pediatri di famiglia sono sempre pronti a dispensare utili consigli e visitare i piccoli. Inoltre, siamo in attesa che vengano attuate le disposizioni della legge di bilancio 2020: non appena saranno disponibili le apparecchiature diagnostiche di primo livello, i pediatri di famiglia potranno ulteriormente venire incontro ai bisogni di salute dei piccoli assistiti E concluderanno con più facilità il percorso di diagnosi e cura nel proprio studio professionale, senza ricorrere a figure professionali esterne".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento