Cardarelli da record, due trapianti di fegato in 18 ore

In entrambi i casi il trapianto è perfettamente riuscito. La manager Anna Iervolino: "Risultato straordinario"

Immagine d'archivio

Due trapianti di fegato in 18 ore: è quanto si è stati capaci di realizzare al Cardarelli grazie alle equipe del Centro Trapianti di Fegato diretto da Giovanni Vennarecci.

A rendelo noto è la stessa azienda ospedaliera, che spiega come a due vite sia "stata restituita una speranza grazie alla generosità delle famiglie dei donatori e all’impegno di quanti hanno fatto parte, a vario titolo, di questa pagina di buona sanità".

Si tratta di "un risultato straordinario - sottolinea il manager Anna Iervolino - che ancora una volta mette in luce le grandi eccellenze di questa azienda ospedaliera. Quello dei trapianti è un ambito particolarmente delicato e strategico nel quale il Cardarelli sta ottenendo grandi risultati".

Il primo trapianto è stato possibile grazie ad un donatore di 60anni, proveniente dall’ospedale di Vallo della Lucania. Il secondo fegato è stato invece donato da un 39enne, dall’ospedale San Sebastiano di Caserta.

A comporre le equipe impegnate nel doppio trapianto c'erano i dottori Antonio Ceriello, Giuseppe Aragiusto, Antonio Giuliani e Giuseppe Arenga, e gli anestesisti Gaetano Azan, Margherita Gaggiano, Marianna Esposito Raffaele Montesano coordinati dal dottor Ciro Esposito, direttore del Dipartimento Trapianti del Cardarelli.

Presto i pazienti potranno ritornare a casa: entrambi i trapianti sono perfettamente riusciti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Chiusura Kestè, Fabrizio Caliendo: "La mia vita ha più valore dei soldi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento