Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Lega presenta l'ex 5 Stelle Urraro: "Il Movimento ha tradito i cittadini"

Il senatore è passato al partito di Salvini insieme ad altri due ex grillini: "Non mi è stata data la possibilità di dare il mio contributo. Qui credo si possa costruire qualcosa. Io candidato alle regionali? No""

 

"Non ritengo di aver tradito i miei elettori passando alla Lega. Credo che in molti, invece, si siano sentiti traditi dal Movimento 5 Stelle rispetto alle premesse iniziali". Il senatore Francesco Urraro, eletto a Portici tra le fila dei grillini, è ufficilamente un nuovo volto della Lega di Matteo Salvini ed è stato presentato questa mattina dai vertici regionali del partito. 

Non si sente un traditore Urraro, di professione avvocato, che sostiene di aver creduto nel progetto di cittadinanza condivisa, ma di essere poi rimasto deluso dalla sua applicazione: "C'è stato uno svuotamento dei poteri del Parlamento - spiega - credo che avrei potuto dare un contributo soprattutto nella riforma della Giustizia. Invece non c'era la possibilità di intervenire su nulla. Il blocco della prescrizione, per esempio, è sacrosanto, ma le modalità con cui lo vogliono far passare sono incostituzionali. Infatti, doveva essere l'ultimo passaggio di un'ampia riforma che avrebbe ridotto i tempi della giustizia. Non si può bloccare la prescrizione assistendo a processi infiniti". 

Rigetta ogni possibilità di candidatura alle prossime regionali e sostiene di aver rispettato le regole del Movimento 5 Stelle fino a poche ore fa: "Ho sempre restituito la mia parte come previsto dalle regole". Sottinteso che da oggi sarà libero di non farlo, ma il senatore sostiene che a muoverlo non sia stato questo ("Mi indigna che qualcuno pensi che possa eessere comprato"), bensì la possibilità di costruire qualcosa di duraturo nel tempo: "Con i senatori della Lega ho sempre trovato sintonia e credo di poter essere più utile. Caldoro presidente della Regione? Lo stimo ma credo che ora si debba parlare di programmi e non di nomi". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento