Nucleare, Bassolino: “Legge della CampanIa rispetta principi costituzionali”

Antonio Bassolino, in un comunicato, commenta l'impugnazione da parte del consiglio dei Ministri, della legge regionale della Campania che pone il divieto al nucleare sul suo territorio: "La legge rispetta i principi costituzionali"

Antonio Bassolino, in un comunicato, commenta l'impugnazione da parte del consiglio dei Ministri, della legge regionale della Campania che pone il divieto al nucleare sul suo territorio.

In merito alla decisione del CDM di impugnare davanti alla Consulta le leggi regionali di Campania, Puglia e Basilicata relative all’installazione di impianti nucleari, siamo fiduciosi che la Corte terrà nel dovuto conto i fondamenti giuridici contenuti nella nostra legge. Così come è già avvenuto per la legge elettorale regionale, impugnata dal governo ma confermata dalla Corte, siamo convinti di aver agito nel pieno rispetto delle norme costituzionali e delle competenze attribuite allo Stato e alle Regioni. La nostra legge regionale infatti prevede l’intesa col governo per quanto riguarda – cito letteralmente - “l’installazione di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di fabbricazione e di stoccaggio del combustibile nucleare nonché di depositi di materiali radioattivi”. Le materie oggetto di legislazione dunque non riguardano la tutela dell’ambiente, la sicurezza interna e la concorrenza, bensì la produzione, il trasporto e la distribuzione dell’energia e il governo del territorio, che sono materie concorrenti. Infine, va sottolineato che la stessa legge sul nucleare è stata approvata dal governo senza alcun confronto con le Regioni ed è stata impugnata davanti alla Consulta da ben 11 amministrazioni regionali, che ritengono lese le loro prerogative. L’udienza è fissata il prossimo 22 giugno”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento