Razzismo e violenza, Renzi risponde a Salvini: "Lui cantava cori contro i napoletani"

Durissima risposta del Dem alle parole del ministro dell'Interno dopo Inter-Napoli. "Abbracciare pregiudicati, cantare cori razzisti non è degno di un Ministro dell'Interno"

Matteo Renzi

Sempre più accese le polemiche dopo Inter-Napoli, sia sul tema razzismo che sugli scontri avvenuti all'esterno del Meazza. Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, nella serata di ieri, aveva sminuito quanto accaduto, da un lato considerando gli episodi violenti come "riguardanti la criminalità" e non le tifoserie, dall'altro riconducendo gli ululati razzisti nei riguardi di Koulibaly a semplici "sfottò".

A Salvini hanno risposto gli ex premier Paolo Gentiloni e Matteo Renzi. Così Gentiloni: "Ora tutti a condannare le bande di ultras – ha scritto su Twitter – I loro cori razzisti, le aggressioni, la violenza contro le forze dell’ordine. Bene. Peccato che il ministro dell’Interno era andato a omaggiarli, questi ultras, appena dieci giorni fa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini: "Mazzoleni non doveva sospendere la partita"

Più lungo e più veemente il post su Facebook di Matteo Renzi: "La giornata di Santo Stefano doveva essere una novità per il calcio italiano. Sul modello inglese giocare il giorno dopo Natale avrebbe dovuto portare le famiglie allo stadio e creare un clima di gioia e serenità. È accaduto esattamente l'opposto. Un ultrà morto a Milano negli scontri di San Siro. Cori razzisti verso un giocatore del Napoli, Koulibaly. Per risolvere il problema della violenza fisica e di quella verbale è sceso in campo il ministro dell'Interno, Salvini che ha promesso di convocare i tifosi a un tavolo al Viminale". "Sono un uomo delle istituzioni – ha proseguito il Dem – e dunque penso che il ministro dell'interno abbia il dovere di prendere un'iniziativa su questi temi ma se vuole essere utile il ministro Salvini deve recuperare credibilità. I cori razzisti fanno schifo sempre e Salvini dovrebbe ricordarlo visto che qualche anno fa quei cori li intonava lui, contro i napoletani. Chi ha condanne per droga e per violenza va isolato, non abbracciato come ha fatto invece Salvini qualche settimana fa". "Salvini è il responsabile della nostra sicurezza, della sicurezza di tutti – ha concluso Renzi – Abbracciare pregiudicati, cantare cori razzisti non è degno di un ministro dell'interno. E non basta mettersi ogni giorno una maglietta delle forze dell'ordine per ispirare sicurezza. Abbiamo capito che Salvini è un influencer professionista sui social, ma qualcuno dovrebbe ricordare a Salvini che lui è anche il Ministro dell'Interno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento